lunedì 15 settembre 2014

Quando una Donna perde i Capelli - La mia Esperienza

Fonte: chizzocute.it


Premesse:
Oggi scrivo il post più importante, emotivamente parlando, della mia carriera di blogger. Questo post nasce dall'idea martellante di una notte insonne. Una di quelle notti in cui non riesci a dormire ma hai tutto chiaro. Sai quello che vuoi scrivere, sai esattamente come trasmettere tutto quello che vuoi dire. E al mattino cerchi di riprendere quella sicurezza, di mettere nero su bianco ogni cosa.
Questo post non è indirizzato a tutti i miei lettori abituali. Chiaramente, se avranno la voglia di arrivare fino in fondo gliene sarò grata, ma capirò qualora vorranno saltarlo e passare oltre, alla recensione di ieri o a quella di domani.
Questo post è per le donne come me. Quelle che un giorno si sono accorte di perdere più capelli del normale. Poi tanti altri giorni si sono susseguiti al primo, fino a vedere un diradamento qui e lì.


La mia Storia:
Sono nata già piena di capelli. Da bambina ne avevo tanti ed erano bellissimi. Non c'era volta in cui andassi dal parrucchiere senza che mi si facessero immensi complimenti per la struttura del fusto, per la loro bellezza, per la pienezza che incorniciava il mio viso. Purtroppo, questa situazione non era destinata a durare.
Era il 20 luglio del 2007. Quel giorno io compievo 22 anni e non ero felice di me stessa. Mi vedevo grassa, non mi piacevo più. Quella sera invitai un'amica a prendere il gelato. In auto lei mi disse che ero ingrassata troppo, che avrei dovuto fare qualcosa. Il mio gelato lo gettai nella pattumiera dopo averne presi 2 cucchiaini pieni di sensi di colpa. Il giorno dopo iniziai una dieta massacrante, di quelle che si fanno di testa propria e che ci porteranno di certo a dimagrire, ma anche a perdere un bel pezzo di salute. Non ne ero conscia. Nella mia testa c'era solo un pensiero: quello di togliere quei chili di troppo, di veder calare il mio peso sulla bilancia. I miei genitori erano disperati, il mio ragazzo anche. Dopo quattro mesi e mezzo di quella vita nella quale mi ero privata di tutto, anche del nutrimento necessario, il mio corpo iniziò a mangiare se stesso. Proteine, grassi, carboidrati non entravano più. Non nella misura sufficiente, quantomeno. E così il mio corpo iniziò ad attaccare i propri muscoli, per prendere le proteine di cui aveva bisogno. A lavoro non riuscivo a stare in piedi senza fare uno sforzo indicibile. Le gambe mi dolevano in modo atroce, i miei muscoli stavano scomparendo, presi d'assalto senza rimedio. I miei capelli erano diventati sottili, privi di vita, evanescenti. Cadevano copiosamente, in tante zone della mia testa non c'erano più. 
Un giorno i miei genitori, presi da uno sconforto immane, raggiunsero la mia dottoressa e si sfogarono. Le raccontarono tutto. Preoccupata e con una figlia anoressica, lei disse loro che dovevano costringermi a mangiare o che mi avrebbe ricoverato. Mi diede un integratore alimentare, il BioMineral Plus, e una dieta sana e piena di nutrienti con cui rimpiazzare lo scempio che stavo facendo. 
Quella sera quando tornai a casa dal lavoro piansi tutte le mie lacrime. Non volevo ricominciare a mangiare, non volevo riprendere quei chili che avevo faticosamente tolto. Non ci fu niente da fare: loro mi obbligarono letteralmente a nutrirmi, anche imboccandomi se ce n'era bisogno. In quei momenti ero arrabbiata e triste, ma solo anni dopo capii che mi stavano salvando la vita. Le mie analisi del sangue erano disastrose: se non avessi ripreso a mangiare, sarei caduta in un vortice ancora peggiore. Non ingrassai, la bilancia continuava a scendere.
I miei capelli non si ripresero e solo allora iniziai a capire quello che avevo fatto. Dov'erano i miei capelli folti, voluminosi e lucidi? Come avrei potuto recuperarli? Erano persi per sempre o sarebbero tornati? La mia autostima scese sotto terra. Ero più magra ma non avevo più i capelli che avevo sempre avuto. 
A dire il vero, una foto di 2 anni prima mi fece rendere conto che i capelli li stavo già perdendo, senza però essermene mai accorta. In quella foto si vede che all'attaccatura erano già diradati: come avevo fatto a non notarlo? La caduta era iniziata 2 anni prima ma quel regime alimentare irragionevole aveva forzato la natura accelerando il processo.

Persi ancora tempo. Forse speravo che tornando ad un'alimentazione corretta la situazione si sarebbe risolta da sola. Le mie analisi del sangue andavano meglio, avevo recuperato un po' del tono muscolare perso, la mia salute faceva progressi. Tuttavia i miei capelli si erano molto più che dimezzati e le cose stavano prendendo una brutta piega. Presi il coraggio a due mani e mi feci visitare da una dermatologa. Lei mi fece un test manuale nel quale evidenziò una caduta preoccupante. Mi fece fare dei costosissimi dosaggi ormonali, un'ecografia pelvica dal ginecologo, ulteriori esami del sangue. Nel frattempo mi prescrisse una lozione contenente Minoxidil al 2% (unica molecola tuttora in grado di far ricrescere alcuni dei capelli persi in questo modo) e Anacaps, integratore alimentare che lei descrisse come il più efficace in circolazione.
Le cose migliorano visibilmente. I miei capelli stavano riprendendo corpo e all'attaccatura ne vedevo tanti minuscoli che mi facevano ben sperare. Tornai da lei dopo aver fatto gli esami. Speravo che mi dicesse da cosa era dipeso il mio problema (che, passati anni dalla dieta, non si erano ancora ripresi e alla quale dunque non potevo più dare la colpa) ma non lo fece. I miei valori erano normali, non c'era nulla che potesse farmi comprendere la reale motivazione dietro questo problema che non ne voleva sapere di rientrare.
Forse genetica? lei mi chiese notizie riguardo i capelli delle donne della mia famiglia. Ma c'è solo una zia nel mio ramo familiare che abbia pochi capelli. Tutte le altre hanno delle belle chiome leonine. Possibile che il mio destino sia quello di possedere quegli stessi geni? ad oggi ancora non lo so.

Ad oggi continuo ancora ad assumere localmente la lozione farmaceutica. A prendere integratori alimentari in cicli regolari. Ma soprattutto, continuo ancora a perdere capelli. Capelli che in tutti questi anni sono diminuiti moltissimo. Capelli che mi ritrovo ovunque fuorché in testa. Sono ovunque io vada. In bagno, in casa, sulle braccia, sul luogo di lavoro. Ci sono dei periodi funesti, come l'intera estate, nei quali ne perdo a dosi spaventose. Intere matasse di capelli sul cuscino, nel letto e infine nella pattumiera. E ogni volta vivo nel terrore e in fondo anche nella certezza che solo una parte di essi ricresceranno. Gli altri sono semplicemente perduti, andati via per sempre.

Visivamente i miei capelli sono ancora belli. Li curo così tanto e con così tanta dedizione che essi rispondono dandomi tante soddisfazioni. Però io lo vedo che non sono più quelli di un tempo. Che ci sono tanti spazi bianchi laddove prima c'erano dei capelli attaccati ognuno per ciascun follicolo.
Se si nasce con tanti capelli e si passa una buona parte della propria vita a sentirli con le mani, forti e vigorosi, è difficile abituarsi a vederne molti di meno. Te ne accorgi allo specchio, li senti al tatto. Sai che hai perduto qualcosa e quel qualcosa ti manca, ti senti meno te stessa.

Approccio Psicologico alla Caduta dei Capelli Femminile:
Se un uomo soffre quando perde i capelli, per una donna il dolore è lancinante. Ad un certo punto diventa un pensiero fisso, qualcosa a cui pensare ininterrottamente, che pervade le giornate e da cui è difficile prendere le distanze. 
E' un martello pneumatico nel cervello, a maggior ragione se non si conoscono i motivi di questa caduta non sempre rimpiazzabile. Tutti perdiamo capelli ma nella maggioranza dei casi essi ricrescono robusti andando a sostituire quelli che sono finiti sulla spazzola. Nel mio caso non so mai quanti dei capelli perduti torneranno e quanti invece non lo faranno più. 
Alcuni di essi effettivamente ricrescono, ma in forma miniaturizzata. Sono sottilissimi e somigliano più ad una peluria che ad una vera e propria capigliatura. Solitamente cadono quando sono ancora corti, senza raggiungere una lunghezza che vada oltre i pochi centimetri.
Ci sono dei giorni in cui appaiono più spenti e abbattuti del solito. In quei giorni trovare un diversivo è complicato. Davanti ci passano quelle immagini di quando eravamo bambine o adolescenti e la gente ci toccava i capelli e ci faceva i complimenti su quanti fossero, su quanto erano belli, su quelle trecce piene laddove ora c'è solo una coda sparuta. Li lavi e così bagnati e indifesi sembrano ancora meno. Sulla testa vedi tanti spazi vuoti e non vedi l'ora di asciugarli così che almeno appaiano diversi. Nei mesi di caduta folle, quando l'aspirapolvere si riempie di grovigli scuri, sei così giù che passi intere giornate a pensare ad una soluzione, a cosa fare per migliorarne quantomeno l'aspetto, per farli sembrare più di quanti siano in realtà. Cerchi consigli ovunque, cerchi di carpire l'esperienza di altre persone sperando che possano darti una mano, fornirti l'indirizzo giusto per uscirne. Cominci a pensare alla tua alimentazione: stai sbagliando di nuovo? Cosa manca? Ma poi fai le analisi del sangue e fortunatamente è (quasi) tutto a posto, anche se loro continuano a cadere e quella coda che fai di tanto in tanto è sempre più sottile. E così mese dopo mese. Passa una stagione, ne passa quasi una seconda. Finalmente la caduta tremenda si arresta o quantomeno si stabilizza. Ricominci a prendere un po' di sicurezza, smetti di pensare all'Apocalisse, ti senti più sicura e meno triste. Sai che i mesi passeranno e tornerai a perdere capelli, ma intanto ti godi quei giorni in cui la caduta è normale e non più così preoccupante.

Psicologicamente una donna che perde i capelli è fragile. Per la donna avere una chioma folta sulla quale contare è davvero importante e ancor più se ne rende conto quando questa testa leonina non c'è più. Si sente defraudata di qualcosa che gli apparteneva di diritto e su cui aveva sempre contato.
Nascondere un diradamento non è semplice. Certo si può spostare la riga, si può portare i capelli in modo diverso, ma la percezione che si ha di sé cambia come dal giorno alla notte e i primi tempi è difficile fare i conti con una novità che destabilizza e non piace.
I capelli femminili solitamente si diradano vicino all'attaccatura e poi un po' ovunque. Difficilmente ci sono delle vere e proprie chiazze senza capelli. Il problema si estende su tutta la capigliatura e il volume complessivo si assottiglia.


Piccoli Consigli di Sopravvivenza:
1) Quando pensi che la tua caduta non sia più così normale né un fenomeno solo stagionale, rivolgiti ad un dermatologo; prendere in tempo la situazione per una donna può fare la differenza. E' possibile rianimare alcuni follicoli non ancora atrofizzati, purché lo si faccia il prima possibile.
2) Prenditi tanta cura dei tuoi capelli. Hai già preso atto che ne hai persi tanti e che forse ne perderai ancora molti. Lo sai e non puoi risolvere totalmente la situazione. A questo punto puoi solo renderli visivamente più belli perché se li vedrai lucidi e sani la tua autostima ne gioverà, la gente tornerà a farti i complimenti, tu stessa ti piacerai di più.
3) Tieni a bada lo stress. Più pensi ai capelli che cadono, più alimenti l'ansia, più essi cadranno copiosi. 
4) Cerca dei prodotti volumizzanti che possano fare al caso tuo. E' un fatto che ormai il volume non sia più quello di una volta, quindi è bene fare in modo che la percezione quantomeno vada in quella direzione. In commercio esistono shampoo, spray, lozioni, balsami, persino prodotti in polvere. Provali, vedi cosa ti dà dei risultati quantomeno apprezzabili. 
5) Evita, se possibile, i siliconi. Il silicone si attacca al capello e al cuoio capelluto. Alle lunghe li fa cadere e li rende anche impermeabili alle tue cure. 
6) Fin quando ne hai la possibilità, evita le tinture chimiche. Fare i colpi di sole ogni tanto non ammazza nessuno, ma decolorare i capelli ogni mese non è salutare per te che già li perdi.
7) Se ci riesci, evita di fare l'henné troppo spesso. Checché ne dicano coloro che lo vendono, su quanto sia irrobustente o su quanto bene faccia al cuoio capelluto, non è la scelta più adatta per chi ha un problema di caduta. Tenere in testa quel pappone pesante e poi stressare i capelli con risciacqui lunghissimi non ti gioverà di certo. Anche solo per una questione di gravità, il capello cade prima ancora che sia arrivato il suo momento. 
8) Fai le analisi del sangue periodicamente. Controlla che i valori siano a posto ed eventualmente poni rimedio con un integratore ad hoc, meglio ancora se consigliato dal tuo medico.
9) Se passi molto tempo sotto il sole, usa un cappello. 
10) Spunta i capelli due volte l'anno. Togli le doppie punte, rinnova la capigliatura. Fallo in coincidenza con la luna crescente in Leone. Ti assicuro che vedrai la differenza rispetto a quando non darai peso a queste cose. A prescindere da cosa ne dicano gli scettici, la Luna influenza la nostra vita così come influenza le maree. Tagliarli con la luna crescente in Leone ti consentirà di vederli ricrescere più forti e più pieni, più voluminosi.
11) Lava le tue spazzole una volta alla settimana in acqua molto calda e ammoniaca. Su di esse si deposita tanto di quello sporco che neanche immagini e che non fa bene alla tua chioma.
12) Non lavare i capelli più spesso di quanto sia necessario. E se lo fai, perché vai in palestra ogni giorno o perché sono grassi, usa uno shampoo delicato che stressi il cuoio capelluto il meno possibile.
13) Concentrati sullo styling. Se vedi i tuoi capelli in ordine e in piega, il tuo umore ne gioverà.
14) Dopo lo shampoo, fai l'ultimo risciacquo con acqua tiepida o fredda. Ciò li renderà più luminosi alla vista e meno crespi al tatto.
15) Quando lavi i capelli, non avere fretta. Risciacqua sempre molto bene ed elimina ogni traccia di schiuma. E' bene che queste sostanze non restino sul cuoio capelluto, anche se naturali.

Pillole di Autostima per Donne che perdono i Capelli:
1) Non guardare i capelli delle altre con invidia. Anche chi ha ancora tutti i suoi capelli in testa ha dei problemi che tu non conosci, forse anche più importanti dei tuoi. Concentrati su altro, un po' meno su ciò che non hai più.
2) Incontrerai persone indelicate che porranno l'accento sulla tua caduta di capelli. Avranno frasi poco carine e poco gentili, che ti feriranno. Il mio consiglio è: non ti curar di loro ma guarda e passa. Chi vede la pagliuzza nel tuo occhio non si è ancora accorto della trave nel proprio.
3) Amati, nonostante tutto. Quello che è successo non è colpa tua. Forse doveva solo accadere, forse la predisposizione genetica conta più di tutto il resto. Pensa al fatto che esistono problemi assai più gravi e che puoi volerti bene comunque. Che sei bella lo stesso, che meriti di indossare quel vestito carino, di mettere un bel rossetto e vivere la tua vita come qualunque altra donna in salute.
4) Ama i tuoi capelli, quelli che ti sono rimasti. Evita di fare il confronto con il passato o con le amiche. Ama quello che hai in testa e prenditene cura. 
5) Tu non sei i tuoi capelli. Anche se sono importanti, anche se ti manca il volume che avevi, anche se con essi ti sentivi più bella e sicura di te stessa. Tu sei anche molto altro. Non sei Sansone, tu puoi recepire la tua forza anche altrove. Hai tante altre doti: recuperale e usale.

Perché ho scritto questo post:
Forse, principalmente, perché ne sentivo il bisogno. Ho trascorso un'estate intera a perdere intere frotte di capelli, a sentirmeli sulle braccia, a toglierli sulla schiena, a ritrovarmeli persino nel piatto dove mangio. Tutto questo inevitabilmente prostra, stanca dentro. Fa male, perché pensi di non meritare questo supplizio per tanti mesi consecutivi. 
E allo stesso tempo pensi a tutte quelle donne che silenziosamente stanno vivendo la stessa situazione e si sentono altrettanto perse e tristi. Ci sono tanti livelli di gravità nel perdere i capelli. Io mi sento più fortunata di altre perché quantomeno la mia cute è normale e so che tante persone devono combattere anche con la dermatite seborroica o con una cute grassa. So però di aver perso tempo. Tempo utile nel quale avrei potuto curarmi e non l'ho fatto. Tempo perso irrimediabilmente, tempo che non tornerà più. Magari voi che leggete siete ancora ad un primo stadio. Questo post anche per convincere voi ad andare da un professionista. Spenderete dei soldi, in alcuni casi anche molti e non necessariamente scoprirete quello che sta succedendo. Però almeno potrete mettere un freno. Potrete cercare di rivitalizzare i bulbi prima che sia troppo tardi.
In questo post non ho parlato di patologie e non lo farò. Non è questa la sede adatta e non sono la persona giusta per farlo. Ho preferito parlare di un problema che affligge me e tante altre donne senza la presunzione di entrare laddove non mi è concesso, in terreni che non mi appartengono. Per parlare di patologie ci sono i dottori. Andateci, ascoltateli, non abbattetevi.  

Se sentite la necessità di sfogarvi con qualcuno che possa capirvi scrivetemi. Metto a disposizione la mia casella e-mail per chi sente il bisogno di condividere una situazione più o meno pesante. Non vi prometto la soluzione al vostro problema perché io stessa non l'ho trovata per il mio, però un po' di conforto, quello si.


Fonte: deabyday,tv

Non l'ho mai fatto in 4 anni e mezzo di blogging ma lo faccio ora. Vi chiedo, se ne avete voglia e se pensate che la cosa abbia senso, di condividere questo mio post sui social network. Vorrei che raggiungesse più donne possibili. Vorrei che questo mio sfogo servisse a qualcosa. Lavoro al pubblico da tanti anni e ho modo di notare, soprattutto da quando convivo con questo problema, di quanto esso sia frequente. Più donne di quanto pensassi perdono i capelli. Ci sono in giro situazioni più o meno gravi. Sarebbe bello parlarne tutte insieme, darsi una mano, offrirsi dei consigli. 

150 commenti:

  1. Ricordo bene quel periodo in cui non mangiavi.
    Sei stata molto coraggiosa a raccontare così apertamente di te, che lo so quanto tendi ad esser riservata, sicuramente molte donne si sentiranno incoraggiate e capite.
    Abbraccio

    RispondiElimina
  2. Il minimo che posso fare è senz'altro condividere questo tuo post sia metaforicamente che praticamente sulla mia pagina. Ti posso capire benissimo, perché anch'io ho un piccolo problema con la caduta dei capelli e da qualche tempo anche con le unghie fragilissime. I miei capelli si sono modificati con la pubertà, sia nella struttura (sono diventati meno sottili), sia nella forma (erano liscissimi, ora sono poco mossi). Non ricordo esattamente quando, ma già alle medie ricordo che perdevo molti capelli e da sempre questa caduta mi è sembrata poco normale. Quando dici che te li ritrovi anche nel piatto dove mangi, non sai quanto ti capisco, succede anche a me. Trovo i miei capelli ovunque: sulla scrivania, sul pavimento, sul letto la mattina, a tavola e quando sono fuori casa mi sento spesso a disagio, perché magari mentre parlo o mangio, ecco che ne cade uno e mi fa arrossire all'istante. Ho fatto dei controlli e non c'è nulla di preoccupante, ma il disagio resta. Mi è nata anche una sorta di fissazione, non posso vedere miei capelli a terra che devo subito raccoglierli, anche se vuol dire stare china e prenderli uno per uno. Ogni volta che palesavo questo mio disturbo, mi sentivo dire che tutti perdono fino a 100 capelli al giorno e che la mia caduta non è preoccupante, ma io non sono convinta. Ti dico solo che a volta basta un piccolo alito di vento o semplicemente passare una mano per sistemare il ciuffo, ed ecco due/tre/quattro capelli già sulla mano. Per non parlare delle spazzole o di quando faccio lo shampoo: sul piatto doccia e sul pavimento c'è uno sterminio....Più volte mi è capitato di confrontarmi con altre o di notare se succede anche a loro e non è così...a me provoca vergogna quando sono fuori...Una volta ero invitata a casa del mio ragazzo, la prima volta che andavo a casa sua, i suoi mi hanno ospitata in salotto, ero semplicemente seduta. Appena mi alzo per andare via, noto che un mio capello è caduto sotto la sedia e mi vergogno da morire al pensiero che sua madre, pulendo, lo noterà e penserà magari che non mi curo o chissà che. Sembrano cose banali, ma penso che puoi capire benissimo il disagio che si prova.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io mi sto' uccidendo dentro..ho chiesto a vari dermatologhi, tutto ficono ricresceranno ma io cobtinuo ad avere eccessiva perdita di capelli.

      Elimina
    2. Mi spiace tanto Valeria. Immagino che te l'abbiano detto in molti e ci provo anche io: fin quando percepirai questo problema come dominante nella tua vita, i capelli continueranno a cadere copiosi. Questo processo risente moltissimo dello stress e dell'ansia generati dalla paura. Dovresti rilassarti un pochino di più, contare fino a 100 prima di lasciarti andare nel panico. Provaci. Un abbraccio.

      Elimina
  3. Ho letto tutto il post.....non potevo non farlo.....
    Anche io perdo capelli anche se non in maniera copiosa e me ne faccio comunque un problema......per cui anche se di solito ti leggo ma non commento per mancanza di tempo dovevo farlo.....per ringraziarti prima di tutto di aver condiviso con noi questa cosa così personale.....e per le dritte che ci hai dato....

    RispondiElimina
  4. Non sapevo di tutto questo, mi dispoace molto ma sono felice che sei qui e che stai bene!! Per i capelli continua a curarli come fai sempre, fai un ottimo lavoro *.* un bacio Sara sei fantastica e un esempio per tutte noi ^.^

    RispondiElimina
  5. @Agrimonia non so ancora se ho fatto bene sai? una parte di me pensa: non devi vergognartene. Perché di questi argomenti non si dovrebbe parlare? dall'altra sento di essermi esposta troppo e questo un po' mi fa paura. In ogni caso grazie per la tua vicinanza, di allora e di oggi.

    @Scheggia mi sono rivista molto quando hai scritto che non riesci a vederli per terra, che devi raccoglierli. Lo faccio anche io. Un po' perché mi spiace che siano lì. Gli ho voluto bene, li ho amati, li ho coccolati: non sono disposta a calpestarli. Un po' perché vederli mi ricorda il calvario...e non è bello. Capisco le tue ansie. Molto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Questo problema è entrato a far parte della mia vita dopo una brutta esperienza in aprile ed è da allora che anch'io li raccolgo. Non riesco a vederli a terra e li tolgo dalla spazzola senza guardarli. Bellissimo post. Toccante davvero. Un grande abbraccio

      Elimina
    2. Ele aprile è vicino. Io penso che tu possa assolutamente risolvere. Ne sono certa. Un abbraccio anche a te e non sottovalutare il problema. Tu puoi risolverlo sul serio. Baci.

      Elimina
  6. @Mikroula grazie per averlo tutto e per aver commentato anche se non sei abituata a farlo. Grazie :)

    @Lebeautyrecensioni non è qualcosa di cui io parli volentieri o spesso per cui è normale che tu non ne fossi a conoscenza. Penso di essere un esempio per nessuno ma grazie lo stesso e un bacio anche a te.

    RispondiElimina
  7. Non sempre è facile parlare dei problemi che ci affliggono ma a volte aiuta davvero tanto. Questo post è davvero bello perché si percepisce che lo hai scritto con il cuore in mano e spero davvero che possa aiutare altre donne a trovare la forza di affrontare questa problematica.

    Lo condivido subito.

    RispondiElimina
  8. Ho divorato questo post anche se il problema personalmente non mi coinvolge. So però che con l'allattamento dovrò anche affrontare questa possibilità che però, dicono, sia passeggera e magari qualcuno di questi consigli farà comodo anche a me!
    Il coraggio che ci vuole a mettere a nudo le proprie paure ed ansie e i racconti del proprio passato sul blog è davvero ammirevole... anche io nel mio piccolo spero che raccontare le mie di questa gravidanza possa servire a qualcuna che là fuori si fa le stesse domande quindi capisco perchè l'hai voluto scrivere e credo che sia stata un'ottima scelta!
    Lo condivido con piacere anche se il mio FB non è poi così pullulante di commenti e like! =)
    Un abbraccio!

    RispondiElimina
  9. Grazie per averci raccontato la tua esperienza, si percepisce quanto l'argomento ti stia a cuore! Anche io perdo tanti capelli, ne ho sempre persi. Purtroppo la dermatite di cui soffro (e che non andrà via perchè di natura nervosa) ha indebolito un po' i capelli, e devo dire che effettivamente la cosa mi ha spaventato...e ora mi prendo cura dei capelli molto più che un tempo :)

    RispondiElimina
  10. @Francesca non so se mi sta aiutando sai? ora mi tremano le mani e l'ansia mi divora. Però sentivo di doverlo fare. Grazie per la sensibilità e la condivisione.

    @Manuki in allattamento perderai tutti i capelli che non hai perso durante la gravidanza. Saranno tanti e vederli cadere tutti insieme non sarà facile da accettare. Però è davvero passeggero ed è vero che in quel caso ricrescono più belli di prima. E sui tuoi diari della pancia, sai che sono felice di leggerli e ancor di più faranno comodo a chi è incinta come te. Un abbraccio.

    @Sabrys fai bene a curarli. Direi che se lo meritano!

    RispondiElimina
  11. Hai ragione, parlare di queste cose secondo me può essere utile! Anche io perdo capelli, non in quantità enormi, saranno forse 20-30 al giorno (mi dicono che è normale, pure la dermatologa), di più se li spazzolo/lavo/stresso troppo, e sto notando che rispetto a una volta mi è più difficile farmi chignon/code alte perché in alcune zone sono diradati e spostando le ciocche si vede il cuoio capelluto e non è carino... Ormai mi sono rassegnata e faccio solo code basse o trecce morbide, con elastici lenti che non tirano! Non so se continuerà a peggiorare, nel frattempo sto provando il biomineral da quasi un mese ma non mi sembra che faccia gran che, cadono sempre uguali a prima... Mi sa che il meglio per questo tipo di capelli è tenerli corti e ben curati, ho notato che almeno su di me migliora di parecchio la situazione!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. 20-30 capelli al giorno sono pochissimi, te lo assicuro :) Si rientra nella normalità fin quando se ne perdono 100 al dì. Il brutto è quando non ricrescono, ma se la dermatologa pensa che la situazione non sia grave, meglio fidarsi di lei.
      E ricorda che gli integratori aiutano ma non curano. E aiutano solo quando sono quelli adatti.

      Elimina
  12. Grazie per questo post. Grazie infinite. Di cuore.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie a te per essere arrivata fino alla fine, per averlo letto tutto.

      Elimina
  13. Lo condivido subito. Io ho di mio capelli finissimi e poco voluminosi, anche se non li perdo. Un paio dei tuoi consigli mi faranno sicuramente comodo in ogni caso.
    Per il resto, che dire, ti ammiro davvero molto per esserti messa così tanto in gioco e allo stesso tempo essere stata chiara, esaustiva e pacata.

    RispondiElimina
  14. A un certo punto mi sono venute le lacrime. Come ti capisco, come mi rivedo in tante cose che dici. Anche solo il fatto di provare un po' di invidia e forse rabbia leggendo i commenti precedenti che affermano di non avere questo problema (non me ne vogliate :)). Non sai che dispiacere ogni volta che leggo in giro ragazze che dicono di avere 'troppi' capelli, che curarli 'e' un problema perche' sono tantissimi'...Mi fa rabbia, lo ammetto. Le trovo parole sbagliate, anche sapendo che non lo fanno apposta, perche' non ci si pensa al male che fanno ad altre; in fondo se non si ha il problema, non ci si rende conto, e non faccio loro una vera colpa. Ma ci resto sempre male. Io so che non potrei mai lamentarmi di una cosa del genere. Amo i capelli, da sempre. Per me sono sempre stati fondamentali. Non mi sono mai curata del mio aspetto fino a pochi anni fa, ma i capelli...ah. Per me erano uno dei beni principali di una donna. Ne avevo abbatanza, non una chioma immensa, ma stavo bene. Certo, quel giorno in un cui cercavo un fermaglio e guardavo quello grande, col sogno di riempirlo, e la commessa mi disse che per me bastava quello piccolo, ci rimasi cosi' male che ancora lo ricordo (parliamo della prima adolescenza eh...). Eppure loro c'erano. Cadevano, ma tornavano, e avevo sempre la testa piena di nuovi e forti capelli. Poi e' successo. Mi laureo, e da li' il dramma. Forse ho sfogato in quel momento tutti i dolori sofferti da anni prima, in seguito a un lutto che ha segnato la mia vita, ma che ho cercato di affrontare come potevo. Avevo l'universita', gli amici, la testa occupata. E poi e' finito tutto, e mi sono ritrovata col nulla in mano. Nulla tranne valanghe di capelli. Li trovavo ovunque, non ne potevo piu', inizio' l'ossessione. A ben pensarci, anche a me tutto inizio' qualche mese prima del fatidico evento. Semplicemente mi feci la riga dalla parte opposta di sempre, senza rendermi nemmeno conto del perche'. Ora lo so. Al tempo (circa 3 anni fa, a 23 anni), ne persi quasi la meta'. Poi incredibilmente tornarono pian piano, e notai una buona ricrescita. Mi rendevo pero' conto come in alcune zone non ci fossero piu' come prima. Poi ci si sono messi di mezzo tutti i parenti, anche un po' gli amici (ma con piu' tatto), a darmi della pazza, della fissata, 'guarda quanti ne hai!', a non rendersi conto del problema reale e dei colpi psicologici che mi davano con la loro superficialita' (che ad oggi continua imperterrita). Col tempo, come racconti anche tu, ho visto quanto quelli che tornavano fossero sempre piu' fini, come piccoli peli trasparenti. Riuscii comunque a farmi forza, e per un certo periodo ritrovai un po' di pace. Purtroppo, a fine inverno scorso, di punto in bianco e senza ragione apparente, ecco che le tempie si sono completamente sfoltite, e i lati della testa diradati ancor piu' di prima, creando linee di cute a completa vista, perche' i capelli che restano sono pochi o finissimi. E' tornato il chiodo fisso, che sto' ancora una volta cercando di affrontare. Anche il resto della testa e' piu' 'leggero' adesso...Non sai come mi ha emozionato questo post. Sei la prima persona con cui parlare a cuore aperto, che sento raccontare con tanta schiettezza del problema, che sento cosi' sensibile da capire quanto faccia male; sei la prima a tendermi quella mano che ho sempre cercato, e che nemmeno la mia famiglia mi ha mai dato, cosi' intenta a ritenermi una isterica fissata. Ho provato ad andare da un medico, ma ha preso anche lei tutto con superficialita'. E dopo quella volta, e senza supporto di nessuno, non ho piu' avuto il coraggio di provare di nuovo ad andare da uno specialista; affrontare l'ansia e le forti spese. Io ti ringrazio Sara, per tutto questo, finalmente c'e' qualcuno che mi capisce...Non sai che difficolta' scrivere con gli occhi velati di lacrime, ma proprio non ce la faccio, eheh...Grazie ancora di cuore.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie infinite ad entrambe! Le lacrime non sono mancate assolutamente, però sapere che in tante viviamo lo stesso problema da parecchia forza.. ieri dopo aver letto questo post ho evitato di guardare le donne con una bellissima chioma e mi sono concentrata su una ragazza molto bella, tra me e me pensavo proprio 'wow!', quando poi mi sono accorta che anche i suoi capelli non fossero assolutamente tanti, anzi! Anche questo mi ha rincuorato, perchè mi sono detta 'si può essere bellissime lo stesso!' Adesso devo riuscire a lavorare sulla mente e smettere di disperarmi e piangere per questo problema! Ho deciso di stampare questo post ed evidenziare le parti più importanti, in modo da tenerle bene a mente!! Grazie mille Sara!!! ti ho trovato cercando post che 'mi capissero' ed è stata una bellissima scoperta! In bocca al lupo per tutto, un bacione :)

      Elimina
  15. @Selli grazie per la condivisione :)

    @Tyta le donne che hanno troppi capelli sentono di avere un problema anche loro, perché non sanno gestirli. A loro rispondo sempre: beate voi. Per me non erano mai troppi, neanche quando li avevo. E non sai quanto mi dispiaccia leggere che le persone che hai intorno trattano il tuo problema con superficialità. Farebbero lo stesso se fosse il loro? no, ovviamente no. Quindi lasciali da parte, non pensare a cosa ti dicono. Tu conosci la tua testa e i tuoi capelli. Solo tu puoi sapere se si tratta di un problema reale o meno. Da quel che leggo si, direi che lo è sul serio. Consulta un altro dottore, mi pare che il primo non sia stata assolutamente in grado di prendere le redini della situazioni. Fallo prima di pentirtene. Per le lacrime ti capisco, le ho anche io. Quando ho postato ho cominciato a tremare come una foglia. Ora devo riprendermi perché alle 2 devo essere a lavoro e devo stare bene, per forza. Un abbraccio immenso e grazie a te per avermi raccontato la tua esperienza. Per me è importante.

    RispondiElimina
  16. Grazie per aver condiviso con te questi pensieri e queste esperienze, non deve essere stato per niente facile e infatti sei stata coraggiosissima :) Ti auguro tutto il bene possibile, spero davvero che si possa arrivare a capire il perché di questa situazione, e che si trovi un rimedio efficace!
    (domanda stupida: le extencion non sono consigliabili vero? Non saranno mai la stessa cosa, ma se per una sera ti volessi vedere come una volta potrebbe essere una soluzione. Perdonami l'ovvietà, probabilmente fanno troppo peso o stressano i capelli, ma visto che non le avevi citate ero curiosa di sapere cosa ne pensi)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Roberta.
      No, non è una domanda stupida, nessuna lo è. Ci ho pensato alle extensions, non te lo nego. Ma poi mi son detta che non sarebbe comunque lo stesso. Sarebbero capelli posticci, capelli di un'altra persona o peggio ancora capelli finti. Oltretutto capelli che in qualche modo "tirerebbero" i miei. Per il momento, fin quando riesco a tenere a bada la situazione, preferisco farne a meno :)

      Elimina
  17. Dopo questo post ho le lacrime agli occhi, la mia e la tua storia è simile sotto molti punti di vista, io peró avevo 19 anni quando me ne sono accorta.

    Avevo talmente tanti capelli che le parrucchiere mi asciugavano i capelli in due.

    Ti sono vicina col cuore in mano.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Rita.
      Mi spiace molto averti fatto piangere. Ma soprattutto mi spiace leggere che abbiamo una storia simile. Siamo davvero molte di più di quante si pensi.
      Mi ha fatto tenerezza l'immagine di te che pensi alle due parrucchiere che ti asciugavano i capelli. Un abbraccio. E ovviamente ricambio la vicinanza.

      Elimina
  18. Ho letto questo post tutto d'un fiato e apprezzo tantissimo la tua disponibilità a condividere un argomento così delicato con noi e con il web in generale. Io ho i capelli lunghi e sottili e attualmente ne sto perdendo un bel pò, fenomeno che mi succede sempre subito dopo l'estate ma che di solito si arresta da sè. Hai scritto delle sante parole: al primo campanellino d'allarme bisogna andare da un medico specialista, fare esami, curarsi. Io per non andare subito dal dermatologo quando ho avuto l'acne adesso ho come ricordo tante minuscole macchiette che gli altri magari non noteranno ma che per me rappresentano e rappresenteranno sempre un brutto ricordo. Mai ricorrere al fai da te, mai aspettare che le cose si sistemino da sole. Bisogna correre dal medico appena possibile e al primo accenno. Baci :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Baci anche a te BeautyLandia. Giusto consigliare di farsi visitare, è sempre la scelta migliore, quella più oculata.

      Elimina
  19. Forse sono l'ultima persona che può commentare vista la lunghezza dei miei capelli, ma posso comprendere il tuo tormento. E' normale trovarsi negli anni con un minore volume e con capelli più deboli, e questo fa soffrire perché spesso i capelli sono un conforto, una carezza che ci dà fiducia.
    Sono affranta per la tua perdita, sia dei capelli che di tempo, un tempo che hai perso ma puoi recuperare con l'affetto che ti è stato dimostrato. Una persona a cui tengo moltissimo ha attraversato il tuo percorso col cibo, e naturalmente coi capelli, e io le sono stata accanto tentando l'impossibile. Seppure miglioramenti ci siano stati, lei non è stata altrettanto fortunata col fidanzato, che l'ha fatta soffrire enormente. Il male che ti ha provocato la tua "amica" è stato ripagato dal bene dei tuoi cari, l'amore dei nostri cari è la nostra salvezza, è un tempo che non si può perdere, un ricordo indelebile.
    Tu sei stata forte ad uscire da questo tunnel buio, a combatterlo tuttora nelle sue inevitabili conseguenze.
    Scrivere questo post non dev'essere stato facile, ma forse ha esorcizzato un po' il malessere che portavi dentro di te.
    Se potessi ti abbraccerei, credimi.
    Il minimo che possa fare è condividere la tua esperienza, e farla leggere a chi ha il tuo stesso vissuto.

    Un bacio Dama <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Foffy tutte potete commentare, a prescindere dalla vostra capigliatura :)
      Non penso mai al "male" della mia amica. Non riesco a viverlo ed interpretarlo così. Una parte di me ringrazia ancora quella dieta, anche se è stata disastrosa. Mi sento una stupida a scriverlo ma è così. Da certi pensieri distorti non si guarisce mai del tutto.
      Un abbraccio anche a te e grazie.

      Elimina
  20. Uso pochissimo i social,ma condivido il tuo post con immenso piacere! E' una testimonianza coraggiosa che sicuramente può aiutare tante persone con il tuo stesso problema. Un abbraccio grande <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Jasmin. Ci conosciamo da poco e a maggior ragione lo apprezzo moltissimo.

      Elimina
  21. Anche quando scherzo sui capelli che cascano per gioco, il normale numero, in realtà mi preoccupo. Immagino cosa possa voler dire per una ragazza che vuole avere i capelli della lunghezza desiderata non averne il pieno controllo.
    Sei stata fortunata ad avere dei genitori che si sono preoccupati per te in quel periodo non felice della tua vita, ma la più forte resti tu. E' difficilissimo ammettere le proprie debolezze e le proprie paure e gli stupidi che si permettono di dare giudizi idioti non meriterebbero quasi la parola. Uno delle frasi che cerco sempre di tenere a mente è che nella vita si devono vivere certe esperienze per poter capire e dare opinioni sensate. Il resto è aria.

    Sii sempre forte, come lo sei stata finora, e ti auguro che tutto si possa risolvere ♥

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Emanuela.
      Non è un problema di lunghezza, quanto di quantità. I miei capelli crescono, si allungano. Quelli sani lo fanno. Il problema sono quelli che non ricresceranno, quelli che ho perso o che ricrescono "malati".
      Grazie per il tuo commento. Io mi sento molto più fortunata di altre persone per cui per me è più semplice essere forte. Non ci riesco ogni giorno, ma per buona parte si. Quantomeno ci provo sempre. Baci.

      Elimina
  22. un bacio e un abbraccio cara sara, e tanta stima per la tua forza e coraggio. condivido subito!!

    RispondiElimina
  23. Questo tuo post capita veramente a pennello, credimi. Proprio ieri, dopo l'ennessimo shampoo mi sono resa conto che sto perdendo veramente tanti capelli. Capisco il cambio di stagione, che veniamo dell'estate, ma perdo capelli in una quantità fuori misura e la cosa non mi piace. Li ho tagliati, evito di lavarli spesso per non inebolirli, li asciugo con phon lontano dalla cute, preno tante precauzioni, eppure sono sempre la: nel lavandino, per terra, sui vestiti. E la cosa non mi piace affatto. Anche io in passato ho sofferto di disturbi alimentari, mentre ora, da due anni a questa parte ho perso 20 kg seguendo una giusta dieta affiancandola ad una regolare attività fisica. Non vorrei pagare ora il prezzo della mia sconsideratezza. Mi rivolgerò al mio dottore nella speranza che non sia nulla di grave!
    Grazie per aver condiviso tutto questo con noi.
    Un abbracio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Lulu.
      Quella di farti controllare da un dottore è la scelta giusta. E di scelte giuste ne hai fatte già. Complimenti per la tua dieta sana e controllata. Ma è vero che la sconsideratezza, anche passata, si paga. Per cui un controllino meglio farlo.
      Un abbraccio.

      Elimina
  24. Grazie per questo post, davvero. Ho letto piu su che non sei certa che ti abbia aiutato, ma 1. Non c'è nulla di cui tu ti debba vergognare e 2, non sai nemmeno quante ragazze stai aiutando con le tue parole. È circa un anno che mi sto preoccupando dei miei capelli, sulle tempie sono più radi e non li vedo voluminosi come un tempo, nonostante li abbia sempre portati lunghi e ora li abbia accorciati un bel po non si sollevano, sono piatti. E quando faccio la coda e vedo le righe bianche mi costringo a non pensarci. Non ci penso anche quando sono un po sporchi e cadono anche senza che li tocchi, o quando mi pettino e mi ritrovo cumuli a terra e nella spazzola. Sono comunque abbastanza, ma cadono da morire... ma visto che credo di essere l'unica a vederla come una cosa tragica, meglio non pensarci :)
    Sei stata fantastica, ti auguro tutto il meglio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Irene.
      Il fatto che gli altri non la vedano come una cosa tragica non significa che il tuo sia un problema stupido. Stupidi sono coloro che sottovalutano i timori altrui, che non li capiscono, che li svalutano solo perché non sono i propri.
      Tra le righe ho letto una sofferenza. Ti ho letto spaventata. Anche io ti auguro il meglio e se pensi che i tuoi capelli si siano diradati troppo, cerca un rimedio il prima possibile.
      Baci.

      Elimina
  25. Non commento spesso ma leggo sempre tutto...ti stimo veramente moltissimo per aver condiviso con noi la tua esperienza, so che adesso ti senti svuotata ma parlarne aiuta sempre, e per quanto virtuale spero che tu possa sentire l'appoggio e la vicinanza di tutte le persone che ti leggono sempre volentieri :).
    Da parte mia posso dire che ognuno ha davvero il proprio "cruccio", io ho la fortuna di avere una testa abbastanza folta e riccia(ovviamente lamentandomene-ma da oggi non lo farò più), ma combatto da anni con una pelle suuuuper sensibile e leggermente acneica e per me è impensabile poter uscire senza base...e non sai quanto io "invidi" le ragazze che possono schiaffarsi di tutto senza una reazione allergica o che possono uscire completamente struccate...!
    Non sono un'esperta e non voglio assolutamente fare quella che "ha scoperto l'acqua calda", però so che in alcuni casi i traumi non risolti a livello psicologico/ansia patologica si riversano su cose impensabili...come appunto i capelli...lo ho un cugino che per tutti gli anni dell'adolescenza è stato praticamente pelato e senza sopracciglia, ma non vi erano danni ai bulbi capilliferi, non c'era una cura perchè era tutto "solo" stress...e da qualche anno grazie allo psicologo(che l'ha ovviamente aiutato soprattutto dal punto di vista mentale) è tornato ad aver i capelli!
    Non so se il tuo bulbo è morto perchè non l'hai specificato(o non ho colto io,nel caso scusa:/) e non voglio indagare oltre, però insomma...era solo per tentare di dare una storia "a lieto fine" :)
    Scusa il papiro, un forte abbraccio <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao MsRomeomiao. Grazie per aver voluto commentare, anche se non sei solita farlo. Vero che ognuno di noi ha il suo cruccio e penso che il tuo sia importante e gravoso da portare quanto il mio. Sono felice che a tuo cugino siano tornati i capelli. Penso che ora, ritrovando sicurezza, riuscirà a risolvere più facilmente anche i suoi problemi di natura psicologica.

      La maggioranza dei miei bulbi è viva. Ma vanno continuamente stimolati. Se non lo facessi, non so cosa accadrebbe. E preferisco non pensarci neppure.
      Un abbraccio forte e scrivi tutti i papiri che vuoi. Li leggo con grande piacere.

      Elimina
  26. Questo tuo articolo mi ha toccata davvero. Queste tue parole,così diverse da quelle alle quali mi sono abituata quotidianamente leggendoti,sono pesanti come massi ma vere,sincere. Ti sei aperta come poche sanno fare,nel tentativo di tendere la mano ed offrire un supporto alle donne nelle tue condizioni. Non so cosa voglia dire perdere i capelli,non credo neanche di riuscire ad immaginare quello che stai passando. Ma se vuoi,seppur virtualmente,così come tu ti sei "messa a disposizione" per aiutare ed ascoltare gli sfoghi e le paure di altre ragazze,anche io nel mio piccolo ti tendo la mia mano. Scrivimi,se ti fa piacere. Sentiamoci anche al di fuori di questo "mondo". Perché credo che alla fine la solidarietà tra donne sia importante,probabilmente una delle cose di maggior importanza nella vita. Grazie per aver condiviso tutto questo con noi ed accolgo con piacere la tua richiesta di condivisione del post. Un fortissimo abbraccio,col cuore.<3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Misspiccolasarina sei davvero tanto dolce, sul serio. Mi ha aperto il cuore leggere che vuoi sentirmi anche al di fuori di qui. Permettimi di raccogliere i pensieri e ti scriverò sicuramente, tra qualche giorno. Vero che la solidarietà tra donne è importante. Dovremmo portarla in alto come una bandiera. Un forte abbraccio anche a te.

      Elimina
  27. Bellissimo post, l'ho letto tutto di un fiato.. Vengo da una famiglia in cui molte donne perdono i capelli, mia mamma in primis che è ormai praticamente calva (nonostante bellissimi capelli da giovane), per cui ho seriamente paura che prima o poi toccherà anche a me. Dopo un periodo in cui ho cominciato a perderne a tonnellate, negli ultimi anni sto tenendo sotto controllo i miei capelli usando solo prodotti buoni e ogni tanto qualche integratore. La situazione è abbastanza sotto controllo, ma mi rendo conto che qualche danno c'è stato, anche se solo una diradatura leggera. Ho costantemente paura che ogni piccolo stress possa compromettere irreparabilmente la situazione e che tra 5, 10 o chissà quanti anni i miei capelli, il mio segno distintivo, mi abbandonino..

    Grazie davvero per aver scritto questo post, lo condivido con molto piacere. :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Redditude.
      Se posso darti un consiglio, cerca di vivere la situazione genetica che hai intorno con minore ansia. Non è detto che la loro sorte sia anche la tua. E il fatto che tu te ne stia prendendo cura, che hai sempre cercato di mettere una pezza quando hai visto una caduta anomala...bé, io penso che sia davvero importante. Ti stai ascoltando, sei assolutamente in grado di notare ogni piccolo campanellino d'allarme. Non pensare a cosa potrebbe accadere di qui in futuro...perché potrebbe anche non succedere nulla di ciò che immagini.
      Un abbraccio e grazie a te.

      Elimina
  28. bellissimo post Sara, ti mando un grosso abbraccio <3

    RispondiElimina
  29. Sara... prima di tutto ti abbraccio :) So cosa significa perdere i capelli e so anche cosa vuol dire stare male. dato che non ho sofferto di anoressia, ma ho avuto anch'io il mio periodo buio e ancora adesso ne sto cercando di uscire faticosamente. I capelli cadono anche a me e l'anno scorso mi ricordo che mi ero spaventata perché li perdevo letteralmente a mazzi :( per fortuna sono riuscita a risolvere con dei prodotti consigliati dalla parrucchiera, anche se ultimamente sembra abbiano ripreso a cadere, e sono abbastanza preoccupata.
    Condivido volentieri il tuo post, un abbraccio :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Sara. Anche io ti abbraccio.
      Non ho sofferto di anoressia, il mio fisico non aveva ancora varcato quella soglia. La mia mente si, ma è stato più semplice recuperare grazie all'aiuto tempestivo di chi ho avuto intorno. Certo di danni ne avevo fatti tanti, ma quantomeno non del tutto irreversibili.
      Sono felice che i problemi dello scorso anno si siano risolti per te. Un abbraccio e grazie.

      Elimina
  30. ho letto questo post tutto di un fiato e poi tutti i commenti e mi sono accorta che sto tremando... ho così tante cose in testa che mi è difficile ordinare e dare una forma grammaticale accettabile ai pensieri.. avendo anche io un blog e passando molto tempo in rete (anche se molto meno rispetto a prima della convivenza) credo davvero nella forza taumaturgica e "alleggerente" per certi versi nel leggere storie di vita simili alle nostre, realizzare che non si è soli.. in un momdo in cui anche gli amici e spesso anche i familiari ci allontanano o con ci capiscono. leggo che fortunatamentye la seconda opzione non è il tuo caso e mi sento anche io di ringraziare i tuoi genitori,che con la loro determinazione, hanno permesso a noi, adesso, di poter leggere della bellissima persona che sei, perchè, non è retorica ti assicuro ( e sai che lavoro faccio) non è facile uscire da disturbi alimentari... poi voglio ringraziare TE per esserti esposta così tanto, esserti messa a nudo con tutte noi, ed averci trasmesso tanta energia tanta forza e tanto coraggio.. sono poi anche molto amaragggiata per la superficialità con cui le persone che ci circondano, troppo spesso si confrontano con i problemi degli altri, fino al punto da non considerarli nemmeno reali visto che non sono i propri, che non ne sono toccati in prima persona... mi hai fatto riflettere sul discorso del tempo, sulla nostra incapacità troppe volte di riconoscerne l'irreversibilità dello scorrere... a volte io mi rammarico di non aver cominciato subito a usare reggiseni veri, per non far spendere troopi soldi ai miei e adesso a 31 anni con un seno molto prosperoso, ma realmente cadente come una vecchia, a volte mi chiedo se le cose fossero potute andare diversamente... però è un pensiero passeggero, perchè io di fatto non mi so voler bene, non me ne frega troppo di me stessa.. perdo molti capelli, ma da quel che leggo non sembra una situazione così grave come tu ed altre ragazze nei commenti fate notare.. la verità è che non me ne frega più di tanto.. fosse per me li raserei con la lametta almeno non dovrei spenderci nè per tagliarli nè per i prodotti, poi vedo che al mio ragazzo invece piacciono, ogni tanto mi dice ma vai a farteli sistemare da qualcuno, non hanno verso, sembri un leone uscito dea una spinaia... e allora capisco che questa mia incuria diventa quasi una mancanza di rispetto per le persone che mi vogliono bene ( ma realmente) e di questo si un pò me ne vergogno davvero.. e come vedi i momenti buii ci sono poer tutti! ti abbraccio Sara! :*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Pamela, so che lavoro fai e quindi questo messaggio mi è particolarmente caro. E' vero, sono stata fortunata. Fortunata ad avere dei genitori che si sono accorti del problema quando io non potevo farlo da sola. E pian piano, con dolore, sono riusciti a farmi risalire la china. Devo a loro la mia salute di oggi ed è vero che è merito loro se oggi ho potuto postare queste parole.

      Per quanto riguarda te stessa, però, permettimi di farti una benevola strigliata. Tu DEVI volerti bene. Devi curarti di te stessa, del tuo corpo, dei tuoi capelli, del tuo involucro. Anche se tu sei soprattutto ciò che c'è dentro, anche quello che c'è fuori è importante e devi fare in modo che lo sia. Non per il tuo uomo o per chi ti vuole bene, ma per te stessa, principalmente. Un abbraccio grande.

      Elimina
  31. Posso solo lontanamente immaginare quello che hai passato e stai passando. Ti mando un forte abbraccio e vado immediatamente a condividere <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Kiruna. Per la condivisione e per la vicinanza :)

      Elimina
  32. cara ho letto il post tutto d'un fiato e sono rimasta molto colpita dalla tua storia che, per alcuni versi, si avvicina un po' alla mia... questo post arriva proprio nel momento in cui il problema della caduta dei capelli è quello che mi crea più ansia! E' da un paio d'anni che perdo più capelli del solito, so bene che è la caduta stagionale e bla bla bla, ma resta il fatto che ne perdo tanti e, avendoli già sottili e privi di volume, ti lascio immaginare dopo lo shampoo lo sconforto che mi prende...ho provato tanti prodotti, ho fatto analisi e tutto il resto... problemi di salute ne ho un paio fortunatamente niente di così grave, a quanto pare chi soffre di problemi tiroidei ha anche problemi di forte caduta dei capelli, ma non è solo quello... studio per gli utlimi esami all'università e ti lascio immaginare lo stress... insomma sono una serie di fattori che ci portano a perdere più capelli, e quello che possiamo fare è seguire una dieta equilibrata, integrando qualche integratore (la mia nutrizionista mi ha detto di prendere HAIRVIT in capsule), cercare di stressarli il meno possibile, e cercare di non pensarci.... per me è quasi impossibile, è come un chiodo fisso in questi giorni... forse nessuno più di me può capirti :) ti mando un bacione

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Maria.
      Questo è un periodo particolare per i capelli perché per natura ne cadono molti, anche in considerazione del sole preso durante l'estate.
      Di sicuro i problemi tiroidei influiscono moltissimo sulla caduta dei capelli, così come lo stress o altri fattori psicologici. Cerca di stare tranquilla il più possibile, prendi l'integratore e fidati della tua nutrizionista. Un abbraccio.

      Elimina
  33. Grazie per aver condiviso con noi i tuoi pensieri ed esperienze, sono sicura che non è stato facile ma certamente potrà aiutare tante persone che si rivedono in quello che hai scritto.
    Ultimamente ho visto un diradamento nella mia chioma, fortunatamente il cambio di stagione ed una decolorazione forte ne erano la causa perché nel frattempo sono tornati nella norma sia come caduta che visivamente sulla mia testa. Ma non ti nascondo di aver avuto parecchio paura, soprattutto dovuto al fatto che due anni dopo un periodo particolarmente brutto ho sofferto di alopecia areata; mi sono subito andata ad informare per gli integratori e per cosa fare, ho cambiato riga in testa, non ero tranquilla e chiedevo sempre agli altri se notavano differenze.
    Per cui comprendo in minima parte il tuo cruccio ogni volta che vedi i tuoi capelli in giro e nella spazzola. E ti ringrazio per averne parlato.

    RispondiElimina
  34. Sara ho letto anche io questo post veramente tutto d'un fiato e dalle tue parole si percepisce quanto sia stato difficile per te. Posso solo immaginare la sofferenza che ti abbia recato questa situazione. Qualsiasi "commento" mi sembra banale, però sono sicura che questo post avrà aiutato tante ragazze/donne con questo problema. Spesso molte donne sottovalutano la situazione, anche un po' per "paura". Ma è qui che si sbagliano, sempre meglio prevenire e con il tuo post hai fatto trasparire chiaramente questo messaggio.
    D'altro canto c'è da dire che tutte queste esperienze negative, ti hanno resa veramente forte. Dalle tue parole riesco comunque a leggere questa forza e voglia di "combattere" questo problema. Poi le tue pillole di autostima sono veramente utili a chiunque, credimi!
    Mi viene soltanto da abbracciarti e condividere questo messaggio anche sulla mia pagina facebook. Grazie per aver condiviso questa esperienza con noi, io da persona super riservata capisco lo sforzo necessario che hai dovuto fare per scriverla.

    RispondiElimina
  35. @Darkness posso immaginare il senso di panico quando hai visto quelle chiazze vuote. C'è un signore qui che ha la testa piena di "bolle" senza capelli. Ma non se ne cura, finge che il problema non esista. Spero per lui che cambi idea, è anche giovane. Grazie a te per essere passata :)

    @Simona si, è stato difficile. Sia vivere la cosa - e viverla tuttora - che parlarne. Però passate le prime 2 ore di spaesamento nelle quali mi sono chiesta se avessi fatto bene a mettermi così tanto a nudo, ho capito che la risposta è si. Mi sono arrivati messaggi di persone che non ne parlano mai, che non hanno ancora preso in mano la situazione. Forse ora lo faranno, e ne sono felice.
    Un abbraccio e grazie a te.

    RispondiElimina
  36. mi sono emozionata molto a leggere questo post, soprattutto perché in parte mi è sembrato di leggere la mia storia. anche io ho raggiunto un peso alquanto considerevole e quando mi son presa una bella cotta e la fame è passata, ho cominciato a giovare della perdita di appetito e di peso, pensando che fosse una manna dal cielo. In realtà alla fine del mio dimagrimento molto importante (ho perso quasi 30 kg, che se solo ci penso mi vengono i brividi) ero quasi come mi volevo, ma a mano a mano ho notato anche io che la mia chioma, fino a poco tempo prima davvero leonina (la gente mi definiva addirittura Caparezza lol), cominciava a diminuire, dapprima piano e poi a vista d'occhio, molto probabilmente soprattutto per via del circolo vizioso ansia/stress/caduta.
    Ero arrivata addirittura ad andare in uno di quei centri per la perdita dei capelli che però purtroppo giocano sull'ansia delle persone e sul terrore che può incentivarle a spendere un capitale e per fortuna non ho ceduto. Sono però andata da una dermatologa che mi ha rassicurato dicendo che non era poi così drastico ma che comunque avevo un po' di dermatite seborroica (olè) e che quindi dovevo trattare i capelli.
    Sinceramente non ho mai riscontrato giovamento dai prodotti appositi per la dermatite, che ora viene solo nei periodi di stress, ma comunque ho cominciato ad essere più attenta alla cura del capello e scegliere prodotti quantomeno privi di siliconi, che appunto sono dannosi.
    Ad ogni modo ora la caduta è ridotta e più che altro stagionale. La maggior parte dei capelli che perdo - credo - son quelli che non vengono via spazzolando, visto che i capelli non li spazzolo mai.
    Comunque penso proprio che hai fatto bene a scrivere questo post, che sarà davvero utile a molte, proprio come supporto ma anche per i consigli. Perché quando è successo a me pensavo di essere la sola a cui potesse succedere (a vedere gli altri sembrava proprio così) e l'invidia verso le chiome folte era fortissima.
    Ti avrei chiesto il permesso di condividerlo io stessa, ma visto che lo hai detto anche a fine post, lo faccio ancora più volentieri.
    Ti mando un abbraccio <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Elisha.
      Perdere 30 kg senza fare una dieta controllata è sul serio "da brividi" e posso immaginare quanto la tua chioma ne abbia risentito. No, assolutamente non eri sola allora e non lo sei adesso. A giudicare da quante persone mi hanno scritta e di quante io stessa ne veda in giro, penso sul serio che siamo in buona compagnia.
      Grazie davvero per avermi raccontato la tua esperienza. Un grande abbraccio.

      Elimina
  37. Dama ti sono vicina, ho letto il post tutto fino in fondo e posso solamente percepire in parte ciò che si prova... Apprezzo davvero la condivisione di un problema così intimo, apprezzo la tua grande forza d'animo... Ti mando un grande abbraccio! <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Cristina, ti abbraccio anche io :) e grazie per essere arrivata fino in fondo. Mi rendo conto di aver scritto molto...

      Elimina
  38. Come sai è un problema che ho anche io, solo che io non ho mai avuto tanti capelli e sono sempre stati sottili e fini fini. Da quando ho partorito la seconda figlia, almeno una volta l'anno, in genere estate-inizio autunno, ne perdo tantissimi. Li trovo ovunque e devo pulire il pavimento del bagno almeno due volte al giorno perché non riesco a vederli in terra! Il mio dottore ha sempre dato la colpa all'anemia e regolarmente assumo ferro. Purtroppo, sempre regolarmente, non lo assorbo molto e il ciclo continua senza finire mai. Per il momento ricrescono, anche se piano. Non avrò mai una chioma leonina ma pazienza. Non ho mai pensato di andare dal dermatologo e ti ringrazio perché prenderò sicuramente appuntamento per sentire cosa ne pensa.
    Grazie per aver condiviso i tuoi momenti difficili, ho amato molto questo post. Ti mando un abbraccio grandissimo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'anemia può essere sul serio la motivazione scatenante della tua perdita di capelli. Il ferro è un elemento essenziale di chi ha una bella chioma. L'idea di sentire anche il parere di un dermatologo mi pare ottima. Munisciti prima con delle analisi così quando vai lì conoscerà già la tua situazione. Un abbraccio grande anche a te e tienimi informata.

      Elimina
  39. Damina..bellissima ragazza, solare, simpatica, dolce e sopratutto una gran persona!
    Così ti conosco io, così ti "sento".
    Sei speciale per me, sempre ti leggo e ogni volta che posso ti scrivo perché so quanto lavori e ti sforzi.
    Questo articolo mi ha toccata, non perdo capelli ma io sono al contrario..mi "odio" spesso per la quantità assurda di capelli che ho e che non riesco a gestire.
    Adesso la situazione è cambiata, nuovi tagli che tolgono il volume della massa.
    Ma ad ogni modo anche io sono stata una ragazza fragile e con problemi alimentari. Ora sono guarita ma sicuramente i ricordi non vanno via del tutto.

    Ti ringrazio di questo post, così a cuore nudo!!! ❤❤❤❤❤❤

    Un bacione e forza, io ti tengo la tua mano :-))

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bambi sei di una dolcezza unica :) Grazie di cuore per queste tue parole. Mi spiace che anche tu abbia avuto qualche problema di origine alimentare, ma sono felice di sapere che invece i capelli sono ancora tutti in testa. E si, immagino sia difficile gestirli ma credimi se ti dico che è una gran fortuna. Un abbraccio e grazie ancora.

      Elimina
  40. Non ho problemi ai capelli ma ho smesso di mangiare durante la malattia e la successiva morte di mia nonna. So cosa si prova e so quanto sia difficile parlarne e affrontare le cose. So anche che pian piano se ne esce pian piano e ci si convive. Quindi grazie per questo post, credimi farà bene a tutte le persone che soffrono di questo problema!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie a te per essere passata.
      Credo che la morte di tua nonna sia stata un gran dolore per te. Spero che ora tu riesca a mangiare regolarmente e a tenere a bada anche i ricordi.
      Un abbraccio.

      Elimina
  41. Ti ringrazio per questo post... Davvero! Credo che sarà utile a moltissime donne! Nella mia carriera ne ho viste tante teste e per alcune i trattamenti che propongo nel mio salone sono stati risolutivi. Ma non vado MAI oltre quelle che sono le mie competenze: se noto qualcosa di strano, indirizzo io stessa le mie clienti a dei MEDICI (dermatologi)... Purtroppo non tutte le mie colleghe hanno una coscienza! Perciò, donne, abbiate premura della vostra salute e, soprattutto, non fidatevi di chi vi promette miracoli e non SCIENZA.
    Ti abbraccio :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao :)
      Credo tu faccia benissimo a non andare mai oltre le tue competenze. Purtroppo durante tutta questa trafila ho avuto anche la "bella" esperienza di essere umiliata davanti a tutti da quello che consideravo il mio parrucchiere di fiducia. Ci andavo da 24 anni e non mi ha più vista da quella volta. Non sai che vergogna...che umiliazione...sono uscita in lacrime. Penso che un vero professionista sia quello che non mette il dito nella piaga ma che, con tatto, ti indirizza verso un bravo medico.
      Ricambio il tuo abbraccio.

      Elimina
  42. Probabilmente non riuscirò a trovare le parole adatte per esprimermi e non riuscirò a dire tutto quello che voglio, ma mi dispiace tantissimo per quello che hai passato, posso solo provare a immaginare quanto deve essere stato doloroso viverlo e anche uscirne.
    E anche come sia stato difficile parlare del passato e anche del problema attuale, e quanto coraggio c'è voluto per farlo.
    Il tuo post mi ha molto colpita, vorrei avere la bacchetta magica e restituirti tutti i capelli, sul serio, è una frase infantile ma sincera, non sono riuscita a trovare di meglio per esprimermi.
    E ti assicuro che ogni volta che vedo delle foto, anche recenti (ti leggo anche sulla pagina facebook del blog, ma non posso commentare perché non ho l'account fb), penso sempre "che bellissimi capelli!".

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Hermione :) mi ha fatto bene pensare a quella bacchetta magica in grado di restituirmi tutti i capelli persi. Peccato che la magia non sia ammessa, sarebbe la soluzione ideale.
      Non sapevo mi leggessi anche su fb ma mi fa piacere...soprattutto leggere che consideri belli i miei capelli. Questa per me è una grande vittoria.
      Ti abbraccio e ti ringrazio.

      Elimina
  43. Condivido, non ho molte parole... Ma ti mando un abbraccio.

    RispondiElimina
  44. Ieri non sono riuscita a commentare perchè è un argomento troppo delicato. Io ho i capelli finissimi e non sono neanche mai stati tantissimi. Un anno fa in un periodo di forte stress a cavallo con il cambio di stagione ne perdevo molti più del solito. È sempre stato il mio terrore ed ero veramente angosciata. Addirittura avevo gli incubi in cui mi vedevo svegliarmi la mattina con ciocche enormi di capelli sul cuscino e la testa a buchi giganti. È un argomento delicato. Mi dispiace per la tua esperienza, è un post utile e sicuramente di tanto in tanto me lo rileggerò. Anche se è un argomento che veramente mi da un'ansia incredibile.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'incubo che hai avuto tu lo conosco bene, ogni tanto lo faccio anche io. E' il nostro inconscio che ci ricorda quanta importanza stiamo dando a questo aspetto, di quanta ansia siamo avvolte ogni giorno. Ti ringrazio per aver commentato nonostante la sensazione di disagio che hai provato e di cui mi dispiaccio. Baci Fransis.

      Elimina
  45. Purtroppo questo post mi tocca molto, so cosa intendi.. Ho passato un anno in cui sono stata male, ho avuto problemi di digestione per cui mangiavo poco e poco più che pasta in bianco, riso o pollo. A causa di questo le mie riserve di ferro sono praticamente sparite, e ancora oggi non riesco a tornare a valori normali (non riesco a tollerarne gli integratori). Il risultato sui miei capelli? Perdita copiosa e stanno ricrescendo fini e bianchi... Purtroppo sono diminuiti molto di numero rispetto a prima del mio disturbo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Adrye.
      Il ferro è un elemento essenziale per una crescita sana dei capelli. Quando viene meno il risultato è proprio quello che descrivi tu. Oltretutto conosco anche altre persone che, come te, non riescono ad integrarlo in altro modo. La mia speranza è che le cose tornino presto alla normalità, che tu riesca a tornare a dei valori quantomeno accettabili. Non solo per i tuoi capelli, che pure sono importantissimi, ma soprattutto per la tua salute.
      Un immenso in bocca al lupo. Torna a trovarmi quando vuoi.

      Elimina
    2. Ti ringrazio per quello che hai detto! Crepi il lupo!
      Certo che torno, mi sono iscritta! Hai proprio un bel blog! ;)

      Elimina
  46. Questo post mi ha commosso, e non per modo di dire, per il coraggio che hai avuto nello sviscerare un problema così delicato e personale. Da questa riflessione capisco un po' più di te e confermo l'opinione che avevo già su di te: che sei una grande donna!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono passati 7 anni da quando ho iniziato quella dieta e ti assicuro che fino a lunedì non credevo che sarei stata in grado di parlarne così...a cuore aperto. Quindi non so se sono stata coraggiosa, forse doveva solo uscir fuori, prima o poi :)

      Elimina
  47. ho letto ogni singola parola di questo post. l'ho sentita, ne ho avvertito il peso. non soffro del tuo stesso problema, ma ognuno ha i suoi e questo ci rende simili... invece di chiuderti nel tuo dolore hai avuto la forza di usarlo con la speranza di riuscire ad essere utile a chi lo patisce come te... perché se si capisce che non si è più soli si accende sempre un barlume di serenità. e tante fiaccole insieme possono illuminare un mondo intero. nessuno può sapere quanto i propri problemi dureranno o peggioreranno.. è la vita. ma si può sempre decidere se subirla o se indirizzarla. non ti farò complimenti, ma ti abbraccerò dal profondo del mio cuore. sempre.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si, ognuno ha i suoi, assolutamente.
      E questa riflessione sulle fiaccole accese è bellissima...e vera. Anche solo leggendo questo post e i suoi commenti ti rendi conto di quante ne son state accese. Fiaccole che prima non c'erano ed eravamo tutte un po' più sole di adesso.
      Ricambio il tuo abbraccio.

      Elimina
  48. Grazie per questa condivisione. Io spero mi abbia insegnato a dosare le parole, anche quando a volte si cerca di dare un consiglio ad un'amica "per il suo bene".
    Un abbraccio Francesca

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Le parole hanno un peso. Se non per noi che le utilizziamo, spesso ne ha uno per chi le riceve. In ogni caso non sono arrabbiata con la mia amica e ci credi se ti dico che lei di tutta questa storia non ne sa assolutamente nulla? E credo non la sospetti neppure.
      Ci siamo molto allontanate nel tempo e lei non si è resa conto di quello che stava accadendo, troppo presa dalla sua vita. Non gliene faccio una colpa. Si vede che doveva andare così :)

      PS=hai scelto un bellissimo nick name Francesca.

      Elimina
    2. Ti ringrazio <3 <3 <3
      Io in genere mi faccio gli affari miei con le amiche, e cerco di non dare consigli non richiesti. Non è mancanza di interesse nei loro confronti, ma rispetto il fatto che hanno una loro testa e semmai alle cose ci devono arrivare da sole. In questi ultimi anni però mi sono scoperta molto protettiva con una ragazza che ha avuto un po di guai.. Però capisco che è lei che deve gestire i suoi casini, e l'unica cosa che posso fare è essere lì per lei se chiede il mio aiuto. È molto dura per me, però credo sia la scelta giusta. Anche io mi sono allontanata da diverse amiche, e oggi come oggi sono contenta, perché purtroppo capisco che non erano giuste per me. Pensa che una ragazza con la quale sono stata amica tanti anni (tra i 15 e i 25..quindi anni importanti) mi diceva sempre :"No ma tu sei proporzionata " che per me equivaleva a :" non hai solo il culone come me.. Tu sei un ammasso di ciccia ". Forse non lo diceva nemmeno con cattiveria, però tremo all'idea degli effetti che avrebbe potuto provocare. Per mia fortuna, e lo dico con sincerità, ero troppo pigra per mettermi a dieta!
      Tu sei una gran bella persona a non avercela con lei, e se posso permettermi, se lei non si è accorta di questo tuo cambiamento, non era degna della tua amicizia.
      Un grande abbraccio. Fra

      Elimina
    3. Vero che a quell'età non si dovrebbero dire parole di questo genere. Forse non aveva idea di quanto le ragazze si facciano influenzare l'una dall'altra, specie in adolescenza. Era cattiva e basta, probabilmente anche senza rendersene conto. Fortunatamente tu non ti sei lasciata convincere ;)
      Ricambio il tuo abbraccio e torna a trovarmi quando vuoi!

      Elimina
    4. Tornerò sicuramente.. Sono sempre alla ricerca di consigli per la mia pelle secca (ho già messo in wishlist alcuni prodotti Omnia botanica e Nuxe). Intanto continuo a spulciare tra i tuoi post ;-)
      baci. Fra

      Elimina
  49. Io ti abbraccio fortissimo. Ma tanto tanto eh.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Hermy, un grosso abbraccio anche a te.

      Elimina
  50. Io nei momenti di forte stress ne perdo a mazzetti (minuscoli, nulla che possa essere paragonato a ciò che devi provare tu :( ) e sentire quei peletti sulle braccia è una delle peggiori sensazioni che mi sia capitato di provare, è come se piccoli ragni percorressero il mio corpo >_<.
    Condivido questo tuo post con affetto, è un problema che riguarda tante donne e se ne deve parlare <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Oh bé, lo stress è un grande nemico della nostra salute, in generale. E i capelli ne risentono, in particolar modo. Conosco bene la brutta sensazione di sentirseli sulle braccia. Io odio quando li trovo lì (anche ora che son mesi...che sono anni). La odio e basta.
      Grazie per la condivisione, lo apprezzo molto.

      Elimina
  51. Bellissimo post. Condividerò sicuramente anche perché conosco il problema: mia mamma perdeva un sacco di capelli e scoprì che era legato a un problema di tiroide.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie per la condivisione. Spero che il problema di tua madre si sia risolto :)

      Elimina
  52. Cara Dama, ho letto questo articolo con le lacrime perché buona parte della mia adolescenza l'ho trascorsa alimentando questa terribile malattia.. dare un senso ai miei pensieri è ora veramente difficile, penso proprio mi capirai. Tra i vari altri problemi, quello della caduta dei capelli aveva ovviamente interessato anche me: trovarli sul cuscino, nel lavandino e nella doccia era per me veramente terribile, anche vedere il corpo in quelle condizioni lo era, ma per tanti anni non così tanto da spingermi a dare una svolta alla mia vita, a ricominciare a vivere. Dopo circa quattro anni di malattia avevo veramente toccato il fondo.. ed in quel periodo mi ero convinta di avere soltanto due alternative, lasciarmi andare o riprenderla in mano questa vita. Per fortuna, non so ancora perché, ho scelto la seconda opzione: ad oggi mi porto ancora dietro qualche problema post-anoressia, ma posso soltanto ritenermi fortuna se le mestruazioni sono tornate e i miei capelli hanno smesso di cadere.

    Ti ho sempre stimata molto come blogger ed anche se non ti conosco personalmente, come donna: ho apprezzato moltissimo questo tuo sfogo, questo coraggio nell'esporti così tanto, nel condividere con con questa tua esperienza affinché possa servire a qualcuno. Un enorme abbraccio Dama ♥

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Francesca, non avevo idea che tu avessi vissuto questo calvario e non sai quanto mi dispiaccia venirne a conoscenza. 4 anni sono un'enormità, soprattutto a quell'età. Complimenti per la tua forza, per la tua tenacia nell'uscirne. Avrai sempre la mia stima per questo. Ti abbraccio forte forte e complimenti per aver scelto la vita all'oblio.

      Elimina
  53. Non ti scriverò consigli utili come assumere lievito di birra e simili perchè penso che tu abbia già sperimentato tante cose in questo campo e che ne sappia sicuramente più di me. Sono passata solo per scriverti che mi dispiace per ciò che ti è accaduto in passato e per quello che stai vivendo ora.
    Dalle tue parole si evince che sei una persona forte e in gamba. Continua a credere in te stessa e non abbatterti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Audrey, grazie :)
      Lievito di birra non ne posso assumere perché mi gonfia terribilmente, ma ho provato e provo tuttora sempre nuovi rimedi e speriamo che funzionino...Grazie per essere passata.

      Elimina
  54. Io ho perso quasi il doppio del tuo peso per una dieta assurda da me fatta, ma non ho riportato caduta di capelli. Però sapevo le carenze di quella dieta ed ho integrato con lo zinco e poi con il silicio, quando ho cominciato a vedere cadere de icapelli. Mi è stato suggerito da un medico e su di me ha funzionato, semplicemente raccontandogli della mia dieta. Lo zinco lo potresti prendere anche tu così come il silicio non essendo dannosi. Non è vero che gli integratori non fanno, solo che alcuni non vengono assimilati da tutt i allo stesso modo ed i tempi di risposta variano da persona a persona. Fossi in te proverei.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie per avermi raccontato la tua esperienza.
      Ora sto assumendo Phytophanere e ne avrò per 3 mesi. Magari quando finisco provo anche con lo zinco, grazie :)

      Elimina
  55. ho letto questo post quando ho visto che molti l'hanno condiviso sulla pagina fb... in questo periodo sono stata lontano da blogger, ma non dal cellulare... non ho però mai letto post, perchè quando leggo un testo sul cellulare avverto un pizzicore agli occhi, quindi evito... questo tuo post però è stata un'eccezione... è un argomento che sento particolarmente perchè purtroppo ho anch'io qualche problema... il mio problema è dovuto però alla mia stupidità credo, perchè sono io che provoco un certo diradamento e una caduta maggiore del normale... ho un vizio che non riesco a togliermi, ovvero quello di strapparmi i capelli... letteralmente... con la mano sinistra (sono mancina) giro un capello su se stesso e questo ovviamente cade, stressato da quel movimento che sono io a provocare... in genere il capello si stacca con bulbo annesso, quindi capirai la situazione... i capelli vicino alla tempia sinistra sono decisamente più diradati di quelli situati nella parte destra... la cosa si nota soprattutto quando lego i capelli... vorrei tanto smettere ma credimi che è più forte di me, non ci riesco... soltanto quando scrivo riesco ad evitare di tirarmi i capelli, perchè ovviamente la mano è impegnata in altre attività... dopo aver letto il tuo post ho davvero riflettuto su questo e avevo (e ho ancora) l'intenzione di smettere, ma purtroppo a volte ci ricasco senza neanche accorgermene... mi ritrovo improvvisamente con la mano sinistra intenta a ruotare il capello, ma me ne accorgo quando ormai ne ho fatti cadere già alcuni... neanche il pensiero di restare senza capelli mi frena... non so proprio cosa fare... non è una questione di integratori, ma del mio cervello, della mia testa...
    io comunque ti auguro davvero di riuscire ad arginare il problema, perchè te lo meriti... perchè hai capito i tuoi errori ed è giusto che riesca a trovare una soluzione... io invece non credo di avere ancora compreso la gravità di quello che faccio ai miei capelli... ti abbraccio forte (e quando ho tempo ho intenzione di leggere anche i commenti che hai ricevuto, credo di poter imparare molto dalle esperienze altrui)... :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie per aver letto il mio post anche se in quel periodo usavi solo il cellulare.
      Questa tua mania mi sembra una sorta di compulsione. Ci hai mai pensato? un atteggiamento che assumi sebbene ti renda conto di non doverlo fare. Che sia una sorta di palliativo per tenere a bada l'ansia o altre cose? non lo so, ma pensaci.
      E prova a tenere le mani apposto. Un abbraccio.

      Elimina
  56. mi chiamo Anna e perdo i capelli da 38 anni da quando ho avuto il mio primo bambino a 20 anni da allora la caduta non si è fermata mai alternando più o meno ,non c'è stagione che non perda i capelli ho sempre fatto cure ,capsule, fiale gocce ,ma senza mai avere grossi risultati ,per questo ti capisco e nel leggerti mi sono immedesimata nella tua frustrazione Ma nella mia famiglia aveva lo stesso problema la mia mamma ma non ostante le ricerche fatte nessuno mi ha mai detto che poteva essere un fattore genetico in quanto anche uno dei miei fratelli e ne ho 4 ha lo stesso mio problema e lui ha cominciato a perderli a 20 anni . Ora in fatti sono sotto l'azione di BIOSCALIN ho cominciato in secondo mese, ma non sedo ancora una diminuzione .Condivido molte cose che hai detto mi rendo conto che ci sono cose più importanti nella vita e molto spesso incontro persone che stanno peggio mi me e mi consolo ma sta di fatto che ci sono dei giorni che sei particolarmente giù e lo problema viene ingrandito. Questa mattina per caso su una rivista ho trovato il nome di un altro integratore e di la ho visto il tuo post e lo letto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Anna, piacere di conoscerti. Grazie mille per avermi raccontato le tue vicende. In passato ho usato anche io Bioscalin ma su di me non ha mai avuto effetto, tant'è che poi l'ho accantonato senza più ricomprarlo. Spero comunque che tu abbia dei risvolti positivi.
      Io ho ripreso gli integratori il 4 settembre ma ad oggi perdo ancora intere matasse di capelli...e ormai sono mesi. Sono così giù per questa storia che cerco di distrarmi come posso ma ne soffro da morire e non so come farmi passare la malinconia.
      Ti abbraccio forte e torna a trovarmi quando vuoi.

      Elimina
    2. Grazie di avermi risposto e il piacere è tutto mio di conoscerti . Ora mai prendo gli integratori per scrupolo per non avere rimpianti lo faccio solo per quello perché ora mai non ci credo più a tutti questi rimedi miracolosi senza che l'anno scorso mio marito mi ha comprato una spuma dalla farmacia che diceva che era stata testata dall' università di Padova tutte chiacchiere. Per mandar via la malinconia pensa a qual cosa di bello che ti è capitato .ti abbraccio e a presto

      Elimina
  57. Il giorno in cui hai pubblicato questo post ero in vacanza e me lo ero perso. Mi spiace tantissimo Damina per questa situazione, posso solo immaginare come tu ti senta anche se conosco la sensazione di ritrovare capelli ovunque. Anche io al momento ne sto perdendo tantissimi ma credo sia il cambio di stagione anche se 2 anni fa mi era venuta la fobia ed ero corsa a comprare integratori e shampoo specifici.
    Ho un'amica che soffre di questo problema in maniera grave e ricordo che anche quando avevamo 15/16 anni periodicamente doveva fare dei trattamenti perché le mancavano proprio tutti i capelli dalle tempie :(
    Ti abbraccio forte.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie per essere passata Marilena. Da quel che leggo la tua è una caduta stagionale del tutto normale per cui non hai nulla di cui preoccuparti. Sono effluvi passeggeri e fisiologici, niente di strano.
      Per la tua amica invece mi spiace moltissimo. Dalle un grande abbraccio da parte mia e falle leggere il mio post, magari si sentirà meno sola. Baci.

      Elimina
  58. Carissima, rileggo questo post a distanza di qualche mese e piango, piango perché ora mi trovo io in questa situazione e non so cosa fare, ho delle zone in cui non ho capelli e sento dolore sul cuio capelluto. Cosa devo fare? Questo periodo di stress emotivo profondo mi sta facendo tanto tanto male.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Del dolore sul cuoio capelluto ho vividi ricordi e purtroppo dimenticai di farne menzione qui sul post. Dicono che capiti quando l'effluvio è molto violento, come fu nel mio caso e ora anche nel tuo. Inizio col dirti che mi spiace moltissimo e che ti abbraccio forte forte perché capisco come ti senti.
      Cosa devi fare? analizzare la situazione in primis. Cosa è cambiato nella tua vita negli ultimi tempi? le analisi del sangue sono a posto? mangi correttamente? riesci a contenere i livelli di stress? Quando avrai dato uno straccio di risposta ad ognuna di queste domande vai dal tuo medico di fiducia e fatti aiutare! non perdere tempo, mi raccomando.

      Elimina
  59. Ho letto il tuo post e non ho potuto fare a meno di piangere, per te, per me e per tutte le donne che hanno questo problema..leggendo le tue parole ho rivissuto tutto gli stati d'animo che si sono susseguiti negli anni, fino alla sentenza immodificabile di alopecia androgenetica. Avevo una chioma che dire leonina è dire poco, tanti, ricci, spessi e corposi, ed erano la mia sicurezza, il mio vanto..Improvvisamente un giorno la mia parrucchiera mi disse che sulla parte alta della testa cominciava a vedere che mancavano, io non me ne ero mai accorta, per me erano come sempre, era impercettibile ma lei è molto brava nel suo lavoro. penso che sia dovuto allo stress causa esami e università, alla mia infelicità, alla mia insoddisfazione e invece la causa è organica. Contestualmente faccio gli esami ecografici dal ginecologo e si evidenzia un ovaio policistico che peggiora purtroppo il problema...definirlo un incubo è poco, ed ero da sola in tutto questo, mi sono sentita minorata come donna, con mia madre che ha una chioma ancora oggi e dopo una chemioterapia, tanti e folti che hanno passato indenni anche la menopausa. Adesso uso la pillola contraccettiva perché è un modo di inibire gli effetti degli ormoni androgeni che anche noi donne abbiamo, e sto facendo una cura a base di Aloxidil 2% che spero possa farmi riavere qualche pelo giusto per non far vedere troppo quelle chiazze bianche che ci sono, e che quando lavi i capelli, essendo bagnati sembrano di meno, e si vede ancora di più. Ci ho messo tempo per accettare tutto questo, tempo per capire che non fosse una cosa a cui io potevo mettere un freno vista la mia predisposizione...ho solo il dubbio se parlarne col mio compagno visto che lui non si è mai accorto del problema visto che essendo crespi e voluminosi, ancora riesco a nascondere e non far vedere. Un pò mi vergogno di dirglielo anche se lui stesso è clavo, ma da un uomo te lo aspetti, da una donna no...ma so che debbo dirglielo, non per lui in quanto non debbo chiedere scusa, ma perché devo accettarmi io definitivamente e una volta per tutte, anche se le insicurezze ci sono sempre e purtroppo mi viene da guardare le altre donne che hanno una chioma normale, ma hai ragione tu, magari ci saranno per loro altri problemi di cui io non so nulla. Dopo aver pianto tanto, essermi sentita fragile, scoperta, dopo aver sperato che tutto tornasse come prima ho capito che questa sono io e che debbo amarmi ancora di più. per chi pensa che siano solo capelli, e vanità, non è così, è un simbolo della tua femminilità, del tuo essere donna che viene messo in discussione e che fa male, ma male davvero. Grazie del tuo post, Simona

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Simona, perdonami per il ritardo con cui ti rispondo ma purtroppo non mi era arrivata notifica di questo tuo messaggio. Ti mando un forte abbraccio, non per consolarti, che tanto non è possibile, ma perché mi hai dato modo di leggere le tue fragilità, la tua voglia di farcela nonostante tutto. E fai bene, perché tu non sei solo i tuoi capelli, sei anche molto altro. Scegli il momento giusto per parlarne al tuo lui ma fallo: ha il diritto di conoscere questa parte così nascosta eppure esposta di te. Ha il diritto di scegliere in che modo starti vicino. E tu hai il dovere, nei confronti di te stessa, di non vergognartene. Perché non è colpa tua, perché non l'hai scelto e perché non hai ammazzato nessuno, principalmente.
      Grazie per essere passata.

      Elimina
  60. Non riesco a smettere di piangere .....mi hai letteralmente letto dentro .... non ho vissuto l'incubo dell'anoressia. . E "solo"per il fatto che tu ne sia uscita meriti tutta la mia stima ... SEI UNA GUERRIERA ho sempre avuto una miriade di capelli. .. ma da un paio di anni a questa parte tra stress per la perdita del lavoro di mio padre , bollette da pagare mutuo e tutto il resto sono stata letteralmente sommersa. .. premetto che a casa mia.. io sono una specie di contenitore dove ognuno riversa le sue ansie .... altri problemi familiari mio fratello che per 1 anno ha smesso di parlarmi ... altro stress... chili in eccesso. .. tolti poi da una dieta fai da te .... problemi ormonali. ... soffro di irsutismo ebbene si sono un mezzo uomo :) giusto per nn farmi mancare nulla (sn anni oramai da dopo lo sviluppo) adesso di anni ne ho 30 oramai lo gestisco bene... il problema dei peli in eccesso ... detto questo i miei capelli si sn dimezzati. .. diradati. .. Nn ci sono veri e propri buchi... ma ho paura e piango ....ho smesso di guardarmi allo specchio ho paura davvero che andando dal medico mi dica ... mi spiace nn puoi farci nulla ... Nn lo sopporterei se dovesse dirmi che a causa del mio irsutismo. .. be i capelli bye bye nn ci riuscirei. .. si ho scritto in modo confusionario ma GRAZIE .... TI ABBRACCIO FORTISSIMO. .. volevo darti coraggio e mi ritrovo a sfogare me stessa qui PERDONAMI

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao, mi spiace davvero molto che tu abbia pianto. Ma non devi scusarti per esserti sfogata, non puoi capire quanto sia contenta che tu l'abbia fatto.
      Non so se posso permettermi di darti un consiglio ma voglio farlo lo stesso, poi deciderai tu cosa farne, se prenderlo un pochino in considerazione o se non leggerlo neppure. Credo che la prima cosa che tu debba fare sia toglierti di dosso tutte le ansie che provi, in primis quelle che sono gli altri a metterti addosso. Ti stai sovraccaricando di cose che ti annullano come persona e non sarà caricandoti come un mulo che riuscirai a vivere la tua vita nel modo giusto. Fai un discorso con tutti, digli che hai bisogno di una mano anche tu, fagli capire che sei sull'orlo del precipizio. Ma poi, sul serio, vai ugualmente dal medico. Non è un nemico, è lì per aiutarti. E se ti farai aiutare qualcosa di buono potrai farlo sicuramente, non ci saranno cattive notizie vedrai, ma nuove speranze. Ti abbraccio forte forte e un grosso in bocca al lupo.

      Elimina
    2. Grazie mille piccola ♡

      Elimina
    3. Di nulla, grazie a te per essere passata. E se avrai qualche momento di sconforto hai la mia mail a disposizione. Baci.

      Elimina
  61. Ciao, non sai come ti capisco! Io ho la PCOS con iperandrogenismo... e i miei capelli si sono dimezzati nel corso degli anni. In più, a circa 21 anni da riccissimi che erano sono diventati solo mossi e i casi sono 2:
    - o, essendo meno crespi, noto di più il diradamento;
    - o la situazione è peggiorata negli ultimi 2-3 anni.
    Sono stata in cura con Androcur (per i problemi ormonali) e tuttora assumo la pillola anticoncezionale per "cercare di mantenere il risultato". I capelli si sono in generale rinfoltiti, ma al vertice la situazione mi sembra in peggioramento ed anche dietro la testa. Non so, magari è solo una mia fissa e sono così dall'anno scorso. E' un incubo... Dal terzo-quarto giorno dopo lo shampoo la mia riga continua per un bel pezzo dietro la testa, leggermente a sinistra, e sono costretta a legarli con una pinza. Odio portarli legati e odio come mi stanno i capelli corti, quindi li porto molto lunghi. Anch'io avevo dei capelloni ricci da fare invidia a chiunque... ora ho dei normalissimi capelli (almeno il loro colore è bello, tra qualche anno perderò anche quello). Credo che la situazione non si risolverà mai completamente ed io mi farò sempre problemi in posizioni in cui la gente può vedermi la cima della testa e al mare (cerco di non bagnarli perché si nota di più la caduta, ma è un incubo perché adoro fare il bagno completo). Io mi intristisco molto nel vedere che ci sono così tante altre donne che vivono la mia situazione perché so cosa significa e conosco il tormento quotidiano, conosco tutte quelle piccole azioni che si ha paura di compiere per paura che la piega strategica che hai dato ai tuoi capelli si smonti e gli altri scoprano tutto.
    A volte, penso di essere io esagerata perché mi fanno ancora complimenti sui capelli. Tuttavia, nel mio mare di pessimismo cronico continuo a pensare che siano pessimi osservatori.

    Grazie per questo post, grazie per avermi dato la possibilità di parlarne. Non ne parlo mai con nessuno perché me ne vergogno.
    Un bacio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao, sono io che ringrazio te per esserti fermata a leggere e poi commentare. E' un bene che tu sia riuscita a parlarne, a tirare fuori un po' di rabbia. Anche se solo qui.
      Io sono sicura che tu non sia affatto esagerata. Ti conosci abbastanza da capire e percepire i cambiamenti e di conseguenza soffrirne. Però quei complimenti che ti fanno hanno anch'essi un'importanza ed una validità: significa che gli altri dei tuoi capelli percepiscono ancora solo la bellezza e che dunque la situazione, ai loro occhi, non è affatto grave. Questo devi prenderlo in considerazione quando pensi al tuo problema perché la percezione altrui in molti casi ha lo stesso peso della nostra. Metti tutto sulla bilancia e prendila positivamente perché più ti affanni e peggio sarà.
      Un grosso in bocca al lupo ed un abbraccio. Sentiti libera di passare quando vuoi.

      Elimina
  62. Nessuno puo' capire il nostro problema. Bisogna passarci per capire. Io ho una storia molto particolare, il destino è stato beffardo con me: sono una donna grande che faceva la modella per i parrucchieri da ragazza: alta, sottile, con una montagna di ricci rossi naturali. Ricordo ancora i flash dei fotografi quando sfilai una volta con un'acconciatura spettacolare da sposa. Da tre anni ho la metà dei capelli, sono crespi e cadono a causa di una forte dermatite deborroica. Il paradosso è stato che la scorsa estate per i troppi trattamenti topici ho avuto anche una dermatite da contatto che di botto ha fatto cadere il triplo dei capelli. Ho avuto bruciori per mesi al cuoio capelluto. Un calvario così doloroso da aver modificato i miei rapporti con gli altri: io che ero un'emiliana giocherellona, sono diventata chiusa e diffidente, gli psicologi lo chiamano 'ritiro sociale'. Tra l'altro faccio l'addetto alle pubbliche relazioni e quindi deve essere anche trendy: in alcune occasioni mi devo coprire la testa con foulard messi a turbante.Ovviamente la gente ti guarda male perché pensa che tu facci ala chemio. CIliegina sulla torta in Italia non c'è la cultura della parrucca (io ho vissuto all'estero dove tutte le mettono) e quindi esito su questo punto. Forse mi deciderò a rasarmi i capelli ed a metter per semnpre solo i turbanti. E' l'ultima cosa che pensavo mi sarebbe successa. Un bacio a tutte coloro che soffrono come me.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Francesca, grazie per averci raccontato la tua storia.
      Dev'esser stato un duro colpo per te passare dal fare la modella per parrucchieri a vedere i tuoi capelli diminuire drasticamente. Per quel che può valere, ti sono vicina.
      E' vero che qui in Italia la cultura della parrucca non c'è però io credo che potresti farlo per te stessa. Investi in una parrucca fatta bene, di capelli naturali, che ti faccia sentire a posto con te stessa almeno quando sei in mezzo agli altri. Magari ti guarderanno male il primo giorno ma poi si abitueranno, in fondo non faresti niente di male se non cercare di riappropriarti della tua immagine. Un abbraccio grande e un immenso in bocca al lupo.

      Elimina
  63. Mi rispecchio nella tua storia, condivido lo stesso problema dei capelli. Ti voglio ringraziare perchè dopo aver letto questo post mi sento meglio. Proverò a seguire i tuoi consigli. Anche se il pensiero della prossima estate mi getta nello sconforto e nel panico... forse è meglio non pensarci. Un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono io che ringrazio te per esserti fermata a leggere e commentare. Sono felice che nel mio piccolo io abbia potuto esserti d'aiuto. Un forte abbraccio.

      Elimina
  64. Grazie mille per il tuo consiglio, mi ha fatto bene sentire la tua vicinanza, che mi ha dato lo stimolo a far qualcosa per evitare di guardarmi allo specchio ed aver voglia di vomitare. Sì è stato molto difficile dopo aver fatto la modella e ritrovarsi così. Hai mai sentito parlare di Aldo Coppola di Milano? E' stato il piu' grande parrucchiere italiano, beh io sono cresciuta nel suo negozio, avevo 3 anni e giocavo per terra con Barbie ai suoi piedi mentre tagliava i capelli a mia madre che era sua cliente ed amica.Mi ha sempre affascinato questo mondo. Ora mi sento male ad entrare in un salone da parrucchiere: ho una ragazza che viene a casa che è anche amica ed è fidata. I tuoi consigli di sopravvivenza sono molto importanti, posso aggiungere che bisogna scegliere con cura il dermato-tricologo, ce ne sono molti che non sono seri. Dalla mia lunga esperienza ho comunque capito che per buona parte di noi il problema sottostante è un problema ormonale, ma l'endocrinologia è ancora molto indietro su queste cose. Ma è anche molto indietro la società italiana che lega sempre il concetto di femminilità alle chiome fluenti (indovinello: quanti fidanzati vi hanno dettto 'non mi piacciono i capelli corti?'). Prima di approdare al forum avevo chiesto ad una giovane amica lavora nella moda a Londra un consiglio: turbate?parrucca?infoltimento? Ha risposto candida: cheeee?! capelli rasati! Qui molti uomini li trovano sexy sulle donne. Io ora vivo nella tanto grande quando retrograda città di Roma e chiedo alle romane: vi immaginate una donna con la testa rasata passeggiare lungo Via del Corso? Immaginate i commenti dei maschi? La verità è che in Italia siamo molto condizionate: sono convinta che un 50% dei nostri patimenti dipendano dalla paura del giudizio altrui, soprattutto maschile. Un grande bacio. Questa pagina è un vero nido protettivo :)-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Francesca, sono davvero felice di questo tuo intervento di cui ti ringrazio di cuore.
      Ed hai ragione su tutto quello che hai scritto, non ultimo che il concetto di femminilità è molto legato anche alla qualità e alla quantità dei nostri capelli. Non darei però tutta la colpa al genere maschile. Io stessa sento di pensarlo e sebbene molte donne con la testa rasata siano bellissime personalmente so che mi sentirei fortemente a disagio. Un retaggio culturale? il bisogno di una copertina di Linus? forse entrambe le cose e anche molto di più.
      Ti abbraccio forte e spero che sarai dei nostri in questo nido protettivo (che bell'immagine che hai scelto, grazie!) anche oltre questa pagina legata ai capelli. Baci.

      Elimina
  65. Questo post, le tue parole, sono ammirevoli... Io non ho ancora trovato il coraggio di scrivere in merito a questo tema... Grazie...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Moody anche tu soffri di questo problema? Non lo sapevo, non lo immaginavo neanche. Ti sono vicina.

      Elimina
  66. Ciao cara anche io ho avuto il tuo identico problema.. ho avuto un'importante perdita e il volume che avevo ( dato dal fatto che avevo una marea di capelli e dal fatto che fossero ricci come gli africani!) Ormai non c'è più. Ho fatto le analisi del sangue e tutti i valori erano perfetti... Il medico ha detto che quasi sicuramente è dipeso tutto dallo stress. Come te ho sofferto moltissimo per questo "problema" sopratutto quando faccio lo shampoo e noto molto la cute!! Ma più ci pensi e peggio è. Quindi accettiamo e andiamo avanti!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si in questo periodo poi vedo che la riga è praticamente il doppio rispetto ad altri periodi dell'anno. Vedi quella cute scoperta e ti fa un male cane. Sul serio dovremmo cercare di pensarci meno, peccato che a volte non ci si riesca proprio. Un abbraccio e grazie per essere passata.

      Elimina
  67. Avete notato per strada quante donne sono diradate? Donne giovani o piu' in la negli anni. Sembra un'epidemia. DIpenderà dall'alimentazione? Io ho il dubbio che derivi dal mangiare molta carne...sapete che gli animali sono gonfiati con gli ormoni no? CHe ne pensate? Baci a tutte.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti direi che può esserci una connessione ma io, ad esempio, di carne ne mangio pochissima. E si, magari l'alimentazione incide. Se solo avessimo una ricetta per tornare quelle di un tempo...sarebbe bellissimo.
      Ed è vero che ci sono moltissime donne con capelli diradati, lo noto anche io tutti i giorni :(

      Elimina
  68. Ciao! Anch'io ho deciso di condividere la mia esperienza per poter esser d'aiuto a chi come me aveva SINTOMI CHE I MEDICI NON HANNO COLLEGATO tra loro. Intanto premetto che anch' io ho questo problema, è iniziato nel 2008/09 avevo circa 21 anni e ad oggi non ho riscontrato alcun miglioramento tangibile ai capelli ma posso dire che ho trovato LA CAUSA. Spiego brevemente il mio background: anch'io alla nascita avevo una folta chioma,durata fino alla fine delle superiori..sin da piccolissima ero molto magra.Siamo magri per costituzione in famiglia ma io avevo l' aggravante del cibo..non riuscivo a mangiare quasi niente. Al mio corpo bastava pochissimo per saziarsi,ci mettevano ore per mangiare qualche piccola porzione.
    A16 anni, complici vari fattori, e tanta determinazione iniziai a mangiare meglio!Mi sentivo felice, rinata!
    E arriviamo direttamente ai 22 anni: iniziarono a cadermi copiosamente i capelli di colpo!Ero disperata. Non avevo quasi più massa, spenti più fini e da lì in poi fu un calvario. Un'amica mi consigliò le extencion di tessitura di capelli veri che si applica tramite forcine clic-clacson a pettinino :) Non ne posso far a meno! Le metto ogni mattina le tolgola sera.
    VENIAMO ALLA CAUSA DI TUTTO:Al diradamento,2anni fa si aggiunsero problemi al viso,zona zigomi e dintorni..a prima vista somiglia all'acne.. Ma facevano male appena sfiorandole..io l'acne non l'avevo mai avuta, la pelle era sempre stata molto bella!
    Andai dal medico e dal dermatologo che non furono d'aiuto, nella farmacia più competente della città 350€di prodotti e makeup che non aiutarono. Da un chirurgo estetico altri1300€di iniezioni settimanali al viso,sprecati!Sprofondai in uno stato d'animo di ansia e disperazione. Feci esame della tiroide e risultò apposto. Si aggiunse un terzo sintomo:ritenzione,gonfiore al viso e aumento di peso di 6kg in poche settimane e una fame ingestibile soprattutto di dolci e carboidrati. Non mi riconoscevo più.
    Una cliente nel 2014mi disse Forse ha a che fare con cisti ovariche.E aveva ragione! Peccato che erano state riscontrate nel 2013 LE MICROCISTI AD ENTRAMBE LE OVAIE ma la ginecologa mi disse che era tutto ok. Chiedendole info alla seconda visita, mi disse che di fatto erano microcisti ed erano aumentate dal precendente anno. Voleva darmi la pillola ormonale,insistetti per una cure meno invasive e mi prescrisse ACNEFFE(integratore) per le microcisti di sebo in eccesso al viso che provocavano quella specie di acne e DIKIROGEN BUSTINE(integratore) per le ovaie. 2mesi di ferrea cura, 3mesi di stop e via così da quel momento in poi. Il corpo ha risposto bene!! Il viso é notevolmente migliorato!!!dopo un anno di cicli di cura mi sono abbondantemente sgonfiata ma i capelli..non migliorano.
    Ho cambiato alimentazione E ho trovato beneficio. Chi ha questo problema ha l'insulino resistenza e deve seguire una linea alimentare a basso indice glicemico! Per i capelli ma anche per la glicemia,la ginecologa mi ha consigliato una visita dall'endocrinologo,che farò a novembre. Sui capelli e sulla pelle in generale,uso shampoo maschere makeup, creme ecc del tutto privi di siliconi parabeni nichel e tutte le schifezze che compongono la maggior parte dei prodotti!occhio all'INCI. Niente hennè nemmeno quello neutro!Per quanto mi riguarda i miglioramenti ci sono stati ma ho sofferto molto a livello psicofisico. Ho scritto un lungo commento lo so, ma ho notato in internet, tra conoscenti e mie clienti che la sindrome dell'ovaio policistico e micropolicistico vengo prese molto alla leggera dai medici,che non spiegano sintomi conseguenze e talvolta sbagliano cura!Spero di esservi stata d'aiuto! E in bocca al lupo a tutte! ☺️
    Monica

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Monica, grazie mille per averci raccontato la tua storia. E anche per aver trovato il tempo di scrivere questo lungo commento.
      E' vero che a volte la caduta dei capelli può essere ricondotta ad altre problematiche che non sempre vengono ben diagnosticate. Mi spiace, poi, che tu abbia anche avuto l'aggravante di vederti rovinare il viso.
      Spero che le tue cure procedano bene e che vadano sempre meglio. Un grande abbraccio.

      Elimina
  69. Buongiorno a tutte,
    sono capitata qui perché cercavo indicazioni su come usare l'olio di Amla e incuriosita, ho letto il post "Quando una donna perde i capelli" dello scorso settembre. Purtroppo al momento non ho più tempo per rimanere qui a scrivere, ma vorrei comunque dare il mio contributo. Ho 49 anni e dall'età di 20 anni ho indagato e cercato il modo per stare in salute e vivere in pace e serenità: questo si può raggiungere curando tutti gli aspetti della nostra vita dal cibo, alla respirazione, al lavoro che svolgiamo, alle persone che scegliamo di frequentare, ecc. Ma in primis, in assoluto, non potremo mai cambiare nulla se non facciamo il passo più importante che si chiama imparare a volersi bene davvero.L'AMORE è l'energia più potente che esista e solo l'amore può fare miracoli! E per fare questo abbiamo bisogno di aiuto. Io l'ho trovato grazie alla MEDITAZIONE, che deriva dal latino "mederi" e significa curare: la meditazione è la medicina che cura l'anima, come il cibo lo è per il corpo.
    Vi lascio anche un link al sito di Valdo Vaccaro dove parla di perdita di capelli: so che ci sono tante teorie rispetto all'alimentazione, ma anche qui dopo averne sperimentate svariate, ho capito che dovevo ascoltare il mio corpo e lui mi ha indicato esattamente cosa mi fa bene e cosa no. Ricordate, il corpo NON va mai contro se stesso! La malattia persiste SOLO fintanto che ce n'è bisogno.
    http://valdovaccaro.blogspot.it/2015/08/dermatite-seborroica-e-caduta-capelli.html
    Un forte abbraccio a tutti e buona vita in consapevolezza,.
    Namasté

    Sonia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Sonia, grazie per essere passata di qui ed averci raccontato il tuo pensiero in merito. Purtroppo non sono una persona abbastanza spirituale per capirlo in pieno ma ho sempre pensato che le malattie ed i problemi giungessero soprattutto a ricordarci di curare di più l'interiorità. Non ho mai meditato e non so neppure se ne sarei capace. Tuttavia: grazie. Buona giornata.

      Elimina
  70. ciao Dama Bianca, una testimonianza toccante, dalla quale si capisce che sei una persona di grande sensibilità, io posso dirti..hai mai pensato di provare i fiori di Bach? con me hanno funzionato molto, se gli esami medici sono a posto e non c'è ereditarietà, è un problema di tipo emotivo, qualcosa che c'è dentro di te profondamente e che causa questa perdita inspiegabile, trovando i fiori adatti a te potresti tentare
    un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao, grazie per avermi scritto :)
      Ho provato i fiori di bach in passato ma su di me non hanno avuto il benché minimo effetto. Grazie in ogni caso ed un abbraccio anche a te.

      Elimina
  71. Ragazze, non so se essere felice del fatto che siamo cosi tante o triste perché capisco come vi sentite e cosa state Passando. Anche io da piccola avevo una folta chioma e se ci penso sento tanta tanta nostalgia. Ho cominciato a perdere i capelli all’età di 12/13anni, calcolando che ne ho 29; è praticamente tutta la vita che combatto con questo problema.
    A volte penso che se avessi avuto altri capelli la mia vita sarebbe stata diversa, sarei stata più forte, più sicura, mi sarei goduta le giornate al mare, i momenti con gli amici, le ore in palestra senza preoccuparmi in continuazione del mio problema.
    Per me esso è stato ed è tutt’ora la mia ossessione più grande, mi limita in tutto, nelle mie scelte, nella mia felicità.
    Sa solo Dio, quanto ho sofferto, quanto ci sto male e di quante cose mi sia privata. Mi sento vulnerabile, diversa dalle altre, come se fosse un qualcosa di cui vergognarmi, una ferita, un’umiliazione.
    Sarebbe troppo lungo il mio sfogo se mi mettessi a descrivere ogni situazione, ogni piccola sensazione o cosa che ho fatto per evitare che gli altri mi vedessero con quei “maledetti buchi”.
    Ho sofferto tanto quando le persone se ne accorgevano, facendo battute stupide o facendomelo notare semplicemente , come se per me fosse una sorpresa, ho sofferto quando iniziavo una nuova terapia illudendomi che fosse la volta giusta, spendendo tanti tanti di quei soldi, sentendo dolore, attraverso punture, gonfiandomi attraverso pastiglie, ingrassandomeli attraverso fiale. Ma niente di niente, solo tante delusioni e tantissimi soldi in meno.
    Sono sempre con uno specchio per vedere se si vede qualcosa, con phon e spazzola per cercare di trovare rimedio. Quando ho i capelli bagnati è la fine, cerco sempre di andare al mare o in piscina da sola con mio marito, cosi nessuno mi vede, non riesco a godermi le giornate perché penso che qualcuno mi stia guardando e se si accorgesse di ciò, potesse perdere la stima in me e vedermi come una donna di serie B, brutta e pelata.
    Mi sveglio e mi addormento con questo pensiero e più passa il tempo la cosa peggiora, tutto dipende da essi e credetemi non c’è la faccio più, sono in terapia da una psicologa da anni, ma specie in questo periodo mi sembra di impazzire. Raffaella

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Raffaella,
      questo tuo sfogo mi ha fatto molto male. Tra le righe ho letto di una sofferenza autentica, devastante, di quelle che ti percuotono tutta e ti limitano in qualunque scelta, in qualunque giorno della tua vita. Sei in terapia da anni...hai mai pensato di cambiare psicologa? Forse parlarne con una persona diversa ti aiuterebbe di più, anche pensando che questo percorso con lei sembra non avere fine.
      Ti abbraccio forte e ti dico: tieni duro! Tu sei molto altro dai tuoi capelli e meriti di vivere una vita piena ed appagante comunque.

      Elimina
    2. Grazie LaDama Bianca, devi essere proprio una persona sensibile se riesci a comprendermi attraverso le mie righe. No, in verità non ho mai pensato di cambiarla, perché mi ha aiutata a superare altre cose del mio passato... purtroppo so che soltanto un miracolo potrebbe risolvere questa mia angoscia. Nel frattempo vado avanti e spero che un giorno qualcosa cambierà, in meglio ovviamente. Un abbraccio. Mi ha fatto piacere "conoscerti". Raffaella

      Elimina
    3. Non so se riesco a comprenderti ma di sicuro ci provo. E mi spiace davvero molto leggere di tutto questo dolore, che certamente non meriti.
      Un grande abbraccio e torna pure quando vuoi.

      Elimina
  72. Questo post é bellissimo.
    Rendi l'idea e io mi sono immedesimata moltissimo.
    Grazie.
    Di cuore.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie a te per avermi letta. Un caro abbraccio.

      Elimina
  73. Grazie, posso confrontarmi con tante donne che hanno un problema come il mio; Guardo mia figlia e rivedo i miei capelli. Erano belli... hanno incominciato a cadere da quando avevo 21 anni ed ora che ne ho 45 e sono rimasti in testa dei peli disordinati mi sento davvero a disagio nella maggior parte delle situazioni. Ho fatto tante cure, ma nessuna ha funzionato veramente: i capelli ricrescono e poi, inesorabilmente, ricadono. Quelli che ho ancora in testa sono sottili, riccissimi, di un riccio orrendo ed innaturale e opachi, tristi, come me
    penso spesso ad una parrucca, ma perché ho tanti problemi ad accettare l'dea?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Perché ad un certo punto diventa un pensiero fisso, un nodo al centro del cuore che stringe stringe stringe.
      Queste non sono situazioni che si accettano facilmente, bisogna ammirare chi ce la fa, chi nonostante tutto guarda la vita con il sorriso pensando ai capelli solo come ad una piccola parte dell'insieme.
      Non tutti hanno la forza per farlo, soprattutto per noi donne può essere davvero difficile scendere a patti con questa nuova immagine.
      Ti abbraccio forte.

      Elimina
  74. Leggendo tutto questo mi rivedo in te, ormai guardo con invidia tutte le ragazze con chiome leonine mentre io sono costretta a portare un caschetto.. Avevo dei bellissimi capelli, le ho provate tutte ma ormai mi sto rasegnando, non è giusto che a 27anni si debba soffrire così, ti abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi spiace molto Gibe. Spero tu sia andata anche da un dermatologo competente, perché a volte anche il tipo di dottore può fare la differente. Un grande abbraccio.

      Elimina
    2. Riciao dama bianca
      Dal dermatologo sono andata ieri, mi ha dato una cura di biotina per tre/quattro mesi e una lozione da applicare sulla cute, speriamo sia la volta buona, sono stanca di spendere soldi, lui mi ha detto che evidentemente eta una cosa che doveva accadere, boh non so più che pensare, le mie amiche mi dicono che non sono messa male ho semplicemente I capelli sottili, ok c'è di peggio ma prima be avevo tantissimi e adesso sono senza volume, morti, che tristezza..Tu invece come stai?Hai avuto progressi?

      Elimina
    3. Immagino che la lozione contenga minoxidil, ne faccio uso anche io.
      Nel mio caso progressi ce ne sono stati ma devo stare anche bene attenta a seguire i consigli della mia dermatologa. Continuo sempre con la lozione e due volte l'anno faccio un ciclo di integratori alimentari che mi aiutano molto. Il diradamento ora la noto soprattutto a livello della fronte, prima era molto più evidente un po' su tutti i capelli.
      Comunque dai, un grosso in bocca al lupo. Vedrai che la cura sortirà i suoi effetti. Un abbraccio.

      Elimina
    4. Grazie è bello sapere di non essere sola, buona fortuna anche a te!!!Un bacione, speriamo bene

      Elimina
    5. No, non sei sola. Purtroppo siamo in parecchie ad avere problemi di chioma. In bocca al lupo e se più avanti vorrai aggiornarmi sulla situazione, mi trovi sempre qui. O tramite e-mail. Baci.

      Elimina

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...