domenica 14 dicembre 2014

The Christmas Advent Challenge - Christmas' Mood

Giunti alla terza puntata della Christmas Advent Challenge ideata da What's in My Bag e Consigli di Make Up, siamo sempre più vicini al Natale, basta sollevarsi un po' sulle punte per vederlo arrivare con le sue slitte innevate, le renne in festa e quel panciuto barbone dal viso rubicondo.

Foto: targatocn.it
Questa terza settimana prevede di farvi entrare nelle nostre case, per farvi un po' capire quale atmosfera si respiri, cosa significhi per noi questo periodo dell'anno e come lo viviamo.
Si possono inserire foto, racconti, ricordi, aneddoti.
Io ho pensato molto a cosa raccontarvi, a come farvi annusare la mia idea di Natale. E alla fine ho deciso di scrivere a ruota libera, senza infarcire il mio post di immagini che mostrerebbero solo una piccola parte di ciò che sento e che invece vorrei farvi arrivare in toto, attraverso i racconti vividi dei miei ricordi.

Mi piace il Natale, mi è sempre piaciuto. Ci sono stati periodi della mia vita in cui questa festa è stata anche collegata ad un lavoro intenso e massacrante che ha avuto lo scopo di ridurre quella voglia di caderci dentro. Ora siamo tornati in sintonia. Sento aria di festa già a novembre e la mia idea romantica e fanciullesca del Natale è di nuovo intatta, pulita e splendente come l'ho sempre ricordata.
Il Natale in casa dei miei è sempre stato bellissimo. Ci riuniamo con gli zii e i cugini, facciamo gran mangiate, ridiamo a crepapelle, ci circondiamo di rosso e di oro, di profumi che scaldano il cuore. Lo scambio dei regali avviene il giorno 24, poco prima della cena della Vigilia. Prima ancora di immergerci fra gli antipasti e veder scorrere vino bianco ci sediamo sul divano e ci regaliamo un po' d'amore. E' il mio attimo preferito perché finalmente posso vedere chi amo aprire ciò che ho pensato e scelto per loro e a mia volta arrossire scartando ciò che loro hanno trovato per me. Non esistono regali brutti, esistono solo regali fatti col cuore e son tutti bellissimi, tutti degni di essere apprezzati.

In paese le luminarie scaldano l'atmosfera, tingendo la piazza di argento e di blu. Sulla scalinata della Chiesa dimora un presepe quasi a grandezza naturale, perennemente illuminato. Musiche natalizie in filodiffusione riempiono le strade e i cuori.
Guardavo tutto questo ed ero felice. L'attesa si faceva sempre più incalzante, il cuore mi balzava in petto con gioia.

Quest'anno il mio Natale sarà un pochino diverso perché qui dove mi sono trasferita questa bella Festa non è vissuta altrettanto profondamente. Qui sul litorale si vivono intensamente la primavera e l'estate per poi cadere in una sorta di pesante letargo nei mesi più bui. Quel vento gelido e il freddo pungente che solitamente colpiscono il mio paese natio qui non giungono quasi mai e forse anche per questa ragione il Natale ha un sapore meno accogliente, meno riscaldante. Tuttavia quest'anno si sono impegnati anche qui. Le vie principali sono tutte un susseguirsi di luminarie blu e frasi augurali. I negozi si sono vestiti di luci e di colori ed è un vero piacere passeggiare per le strade con i nasi all'insù. Per il primo anno verranno allestiti anche dei mercatini ed è mia intenzione frequentarli e sperare che prosperino così da poterli rendere una vera e propria tradizione.

Questa volta il giorno di Natale e la Vigilia non sarò a casa dei miei né intorno quel divano tanto atteso. Sarò dai suoceri, perché in 9 anni che siamo insieme non era mai successo. Saremo solo in 6 e so che mi mancheranno il caos, l'allegria, il vociare delle stoviglie in fermento. Non lo darò a vedere, perché voglio che Fred, il mio compagno, trascorra finalmente un Natale in casa sua come quando era bambino.
Al mattino lo abbraccerò a lungo come se stessi abbracciando, uno ad uno, anche tutti i miei familiari. Ci stringeremo intorno al nostro albero rosso e argento e vivremo attimi di allegria casalinga. Poi mi farò bella, indosserò il mio rossetto rosso, la gonnellina che ho scelto, il nuovo cappottino grigio e un grosso sorriso. Andremo in casa dei suoi, mangeremo tutti insieme, rideremo dei rimbrotti di mio suocero ai suoi figli e ci scambieremo i nostri regali. 
E dopo tutto questo, mancheranno solo altri 365 giorni giorni d'attesa per viverlo ancora a casa mia, immersi in quella nebbia fitta che diffonde le luci in un chiarore quasi soprannaturale, così bello da togliere il fiato.

22 commenti:

  1. Ho la fortuna di poter festeggiare lav i gioia con i miei e il 25 con i suoceri, però capisco che vuol dire non stare immersi nell'atmosfera della propria famiglia.... Spero questi giorni si rivelino meglio del previsto. Un abbraccio.

    RispondiElimina
  2. Quando ho letto il tuo post mi sono commossa..ti auguro di passare le feste in allegria e serenità e che la mancanza per i tuoi e per il tuo paese non si faccia sentire troppo! Dopotutto un nuovo inzio porta anche nuove tradizioni e nuovi affetti..
    Un bacio cara

    RispondiElimina
  3. Quanta dolcezza in questo post Dama <3
    Sono certa che trascorrerai un Natale magnifico ^_^

    RispondiElimina
  4. Che bello questo articolo Sara. Lo trovo spontaneo, sincero e soprattutto coinvolgente. In Natale e l'atmosfera che senti a casa dei tuoi è proprio la stessa sensazione che provo io quando sono dai miei parenti. Anche noi festeggiamo insieme ed è sempre stupendo. Hai fatto bene a non mettere troppe immagini, in un post del genere non ce n'è bisogno! Le parole in questo caso valgono più di tante fotografie :) anche se quest'anno il tuo Natale sarà diverso ti auguro di passarlo nel migliore dei modi, sarà comunque fantastico ne son certa!

    RispondiElimina
  5. @Pinnù lo saranno sicuramente, mi impegnerò affinché sia così e so che altrettanto faranno gli altri :)

    @Roberta nuovi ricordi da creare, in fondo è una bella sfida. Grazie per la tua tenera commozione.

    @Foffy lo spero tanto e lo auguro anche a te.

    @Simona grazie mille. Sono felice che tu abbia capito anche il senso dell'assenza di immagini. Volevo ricrearle con i ricordi e penso di esserci riuscita. Un fantastico Natale anche a te.

    RispondiElimina
  6. Mi piace molto anche la tua interpretazione... io questa volta, per la prima volta, passerò il Natale lontano dai miei genitori e da mio fratello. Tuttavia sarò con il mio fidanzato e la sua famiglia e spero sia per me altrettanto caldo e felice. Ti abbraccio forte e grazie!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono sicura che sarà ugualmente un bellissimo Natale :) ricambio l'abbraccio.

      Elimina
  7. È proprio un bell'articolo pieno di tenerezza ♥ mi spiace che non passerai il Natale proprio come vorresti tu, ma se in fondo lo passi con il tuo lui sarà comunque un Natale sereno e d'amore :)
    ti mando un bacione damina :*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Elisha, lo sarà sicuramente. E' con lui che voglio stare, e in fondo la mia famiglia potrei raggiungerla già il 26 per stare insieme qualche giorno.

      Elimina
  8. Sei sempre dolcissima e amo leggere ogni tuo articolo, anche questo, anche se viviamo il periodo cosi' diversamente :). Tanti anni fa era bello anche per me. Forse non a livelli cosi' massimi, nemmeno lo ricordo piu' a dire il vero. Negli ultimi anni invece l'ho odiato, profondamente. Ne finiva uno e sentivo il peso tremendo dell'altro che sarebbe arrivato dopo un anno. Ho preso decisioni drastiche ed ho cancellato tutto: i regali da fare (e da ricevere) divenuti solo un'incombenza imposta; il dover addobbare la casa; il dover mostrare falsamente di essere felice. Alcuni Natali ho sofferto moltissimo, uno non lo dimentichero' mai per quanto ho pianto tutta la notte e il 25 dai miei zii tutti si sono impauriti data la faccia che avevo...
    Adesso le cose vanno meglio. Non addobbo ne faccio nulla, non lo amo di nuovo, ma almeno ci convivo con serenita' maggiore. Non passo l'anno con la paura che arrivi, anche se un po' di fastidio rimane sempre.
    Mi sono rivista nella frase descrittiva del posto dove sei ora. Anche per me tutto l'inverno e' letargia, il 25 dicembre e' l'esatto opposto del periodo in cui vorrei stare. Qualche giorno fa, entrata in un negozio di casalinghi pieno zeppo di festoni, sai cosa mi sono riportata a casa? Una piccola bottiglia di vetro celeste, con una conchiglia appesa. Uno spiraglio della mia estate che non vedo l'ora ritorni.
    A te comunque, faccio auguri sinceri e spero tu lo viva ancor meglio di come pensi :).

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi spiace leggere che il Natale è un periodo così pesante per te. Mi spiace nel profondo perché vorrei che fosse un periodo felice e festoso per tutti, a maggior ragione per una ragazza dolce come tu sei.
      Non conosco le ragioni dietro quest'odio ma sento che è ben radicato per cui spero che passi il prima possibile, senza che vi siano imposizioni a cui tu debba prender parte. Un abbraccio grande.

      Elimina
  9. quanto mi ha toccato questo articolo.... sei una persona dolcissima e traboccante sentimenti genuini...
    io quest anno tornerò al sud dai miei parenti, ormai lo faccio solo un anno sì e uno no... quest anno saremo ancora di più, sono arrivati nuovi bambini e sono sicura che l'allegria sarà ancora maggiore... già pregusto il calore dei caminetti, la parlata dialettale, i dolci tipici della mia infanzia, le manifestazioni d'affetto un po' sguaiate e... il mare d'inverno <3
    grazie per aver condiviso con noi le tue emozioni...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie a te per avermi raccontato le tue. Passerete un Natale speciale, ne sono sicura. Immagino già gli strilli di quei bambinetti che ancora non conosci, è sempre bello quando le famiglie crescono.

      Elimina
  10. Roberta poco sopra dice una cosa molto giusta, un nuovo inizio porta anche l'inizio di nuove tradizioni e di solito queste cose riservano sorprese tenerissime che non ci aspettavamo.
    Se ci penso anche io non riesco a immaginare un Natale senza la mia famiglia quindi ti capisco completamente (mi sa che viviamo il Natale in un modo molto simile), io spero che un giorno abbastanza vicino riuscirò a riunire loro e la famiglia del mio fidanzato sotto lo stesso tetto, per un Natale da vivere tutti insieme e l'inizio di una nuova tradizione.
    :*

    RispondiElimina
  11. Dolcissimo post e quasi commovente...
    Ultimamente anche io, per altri motivi diversi dai tuoi, vivo con un po' di malinconia il Natale... Ti auguro di trascorrere comunque una meravigliosa giornata... anche se lontana dai tuoi :-)
    Un abbraccio e buona settimana

    The Princess Vanilla

    RispondiElimina
  12. Che dolce questo post,è davvero molto suggestivo ^__^

    RispondiElimina
  13. Davvero un articolo scritto col cuore, si sentono la tua dolcezza e la felicità che rappresenta per te questo periodo. Ti auguro di passare una bellissima giornata anche quest'anno in cui non sarai con la tua famiglia :)

    RispondiElimina
  14. Io purtroppo il Natale non riesco a sentirlo così tanto... forse più da piccola, per la questione di Babbo Natale e i regali, ma poi crescendo non riesco ad entrare al 100% nel mood natalizio!
    Ti auguro però un sereno Natale, anche se lontano dalla tua famiglia :)

    RispondiElimina
  15. Questo post è di una dolcezza infinita, si vede che ami il Natale e che per te è importante! Sono sicura che anche se quest'anno sarà diverso, sarà ugualmente bello, ogni tanto è bello cambiare un po' le tradizioni :)

    RispondiElimina
  16. @Anna Gaia si, da come lo racconti effettivamente la nostra idea del Natale è piuttosto simile :) e concordo con te sul fatto che Roberta abbia detto una cosa molto giusta.

    @Eleonora grazie mille, sono contenta che questo post ti sia piaciuto. Spero che la tua malinconia non giunga per cose gravi, che a tutto il resto c'è sempre rimedio. Baci.

    @Jasminora grazie mille!

    @Darkness grazie per questo bellissimo augurio che ovviamente ricambio.

    @Adrye per me non è cambiato molto da quando ero bambina e sono felice di aver conservato questa atmosfera fanciullesca. Un sereno Natale anche a te.

    @Chiara si, e magari crearne di nuove altrettanto belle.

    Grazie di cuore a tutte voi che siete intervenute.

    RispondiElimina
  17. Mi sembrava quasi di essere con te mentre descrivevi come si vive il Natale a casa tua! Io quest'anno lo passerò diversamente dagli anni precedenti, sia perché i miei genitori lavorano e quindi sarò in casa probabilmente da sola, sia perché il mio umore è abbastanza giù e non ho amici o altre persone con cui condividere le feste quest'anno. Mi sento abbastanza sola, ho quasi "paura" che arrivino quei giorni, perché ricorderò come li ho vissuti un anno fa e di certo scenderà una lacrima. Il Natale mi mette tristezza oltre che gioia, ed un senso di precarietà...non so mai se ce ne sarà un altro e se potrò viverlo con le stesse persone o se, a poco a poco, mi ritroverò sempre più sola. Noi siamo in pochi e in genere lo trascorriamo in casa con un bel cenone o un bel pranzo, seguito dalla tradizionale tombola. Sono una tradizionalista e mi mancherebbe non viverlo così il Natale.

    RispondiElimina
  18. Negli ultimi anni sono cambiate molte cose e a Natale siamo solo io e i miei. è tutto molto diverso da come eravamo abituati, molto più triste e sottotono. Quest'anno voglio cercare invece di avere uno spirito diverso..cercare gli aspetti positivi anche di questa nuova e imposta situazione. Il 26 sono invece con la famiglia del mio ragazzo, come sempre ci sarà un sacco di gente e il caos totale :)

    RispondiElimina

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...